Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Aug 292016
 

image

Srimad Bhagavatan 1.2.5 — Aligarh, 9 ottobre 1976

Ora siete in questo Paese, si suppone in India, e la prossima vita, poiché dovete cambiare il vostro corpo, la prossima vita può essere che non prendiate nascita in India. Potreste aver preso nascita nei pianeti celesti o nella società animale. Perché non vi è alcuna garanzia. Krishna dice: tathā dehāntara-prāptir. Morte significa cambiamento del corpo. Ma che tipo di corpo si sta per accettare, dipenderà da una disposizione superiore. Ma è anche possibile rimediare. Proprio come se si passa l’esame di medicina, vi è la possibilità che diventiate un ufficiale medico, prestare servizio medico nel governo, ma, comunque, si deve essere selezionati da un consiglio medico e così via. Ci sono tante condizioni. Allo stesso modo, ottenere il corpo successivo non è una vostra scelta. Tale scelta dipende da un’autorità superiore. karmaṇā daiva netreṇa jantur dehopapattaye (SB 3.31.1). Noi non la conosciamo questa prossima vita, e nemmeno ci sforziamo di sapere quale sia questa vita successiva. Dobbiamo accettare una prossima vita dopo aver lasciato questo corpo.
Perciò dobbiamo essere preparati a tale scopo. Nella Bhagavad-gita è detto che preparazione significa yānti deva-vratā devān (BG 9.25): se ti prepari ad andare sui sistemi planetari superiori, Candraloka, Sūryaloka, Indraloka, Svargaloka, Brahmaloka, Janaloka, Maharloka, Tapoloka …ce ne sono vramente tanti, centinaia… Se si vuole andare lì, allora ci si prepara in modo appropriato. yānti deva-vratā devān pitṟn yānti pitṛ-vratāḥ. Quindi, se si vuole andare a Pitrloka, si può andare lì. Se volete andare sul sistema planetario più elevato, su Devaloka, potete andarci. E se volete rimanere qui, potete rimanere. E se volete andare al Loka, Goloka, Vṛndāvana, mad-yājino ‘pi yānti mām (BG 9.25), Potete andare lì. Tornare a casa, tornare da Dio. E’ possibile. Krishna dice: tyaktvā dehaṁ punar janma naiti mām eti (BG 4.9). Se lo vuoi, puoi tornare a casa, da Dio. E’ possibile. Così, dunque, le persone intelligenti devono sapere: “Se vado a Devaloka, qual è il risultato di andare lì? Se vado al Pitrloka, cosa ottengo? Se rimango qui, cosa ottengo? E se torno a casa, torno da Dio, cosa ottengo?” Il risultato finale è che se puoi tornare a casa, da Dio, ebbene, lo dice Krishna qual è il risultato, il risultato è: tyaktvā deham punar janma Naiti (BG 4.9), “Non devi nascere di nuovo in questo mondo materiale”. Questo è il più alto guadagno. punar janma naiti mām eti.
mām upetya tu kaunteya
duḥkhālayam aśāśvatam
nāpnuvanti mahātmānaḥ
saṁsiddhiṁ paramāṁ gatāḥ
(BG 8.15)
Questa è la più alta perfezione. E quindi qui si dice: sa vai puṁsāṁ paro dharmo yato bhaktir adhokṣaje (SB 1.2.6). Quindi, se si vuole tornare a casa, da Dio, allora: yato bhaktir adhokṣaje, è necessario adottare questo metodo: la bhakti. bhaktyā mām abhijānāti yāvān yaś cāsmi tattvataḥ (BG 18.55). Krishna, o il Signore Supremo, non può essere compreso con karma, jñāna yoga. Nessun metodo sarà sufficiente per comprendere Krishna. Pertanto si deve accettare questo metodo, come raccomandato da Krishna: bhaktyā mām abhijānāti yāvān yaś cāsmi tattvataḥ (BG 18.55). Perciò non indulgiamo nei ‘kṛṣṇa’s līlā’, a meno che non siano presentati da devoti. Non uomini professionisti. Questo è vietato. Caitanya Mahāprabhu non Si è mai permesso. Perché gli argomenti su Krishna possono essere compresi solo attraverso il metodo della bhakti. yato bhaktir adhokṣaje (SB 1.2.6). Senza bhakti non è possibile. Uno deve adottare il procedimento della bhakti se realmente vuole tornare a casa, da Dio. Questo è il Movimento per la Coscienza di Krishna.
Il nostro Movimento, questo Movimento per la Coscienza di Krishna, sta educando le persone a come progredire nel servizio devozionale e come tornare a casa, da Dio. E questo non è un compito molto difficile. È molto facile. Se non fosse facile come mai, europei e americani, lo stanno prendendo sul serio? Poiché, prima di iniziare di questo Movimento, credo almeno dieci anni fa, la maggior parte di loro, non sapevano chi era Krishna. Ora sono tutti devoti di Krishna. Anche i preti cristiani sono sorpresi. A Boston, un sacerdote cristiano, ha ammesso che: “Questi ragazzi, che sono i nostri ragazzi, provengono dalla comunità cristiana o dalla comunità ebraica. Prima di questo Movimento non si prendevano cura neanche di guardarci, o di porci qualsiasi domanda su Dio, o di venire in chiesa. Trascuravano completamente. E ora, com’è che sono impazziti per Dio?” Rimangono sorpresi. “Perché? Perché sono diventati così?” Perché hanno accettato il metodo. Il metodo è importante. La semplice speculazione… bhakti non è teorica. È pratica. yato bhaktir adhokṣaje. Aderire al metodo della bhakti non è congettura. Ci si deve davvero applicare nel metodo. yato bhaktir adhokṣaje. Questo metodo è:
śravaṇaṁ kīrtanaṁ viṣṇoḥ
smaraṇaṁ pāda-sevanam
arcanaṁ vandanaṁ dāsyaṁ
sakhyam ātma-nivedanam
(SB 7.5.23)

This post has already been read 180 times

Sorry, the comment form is closed at this time.