Jul 162016
 

image

Conversazione — Washington, D.C., 6 luglio 1976

Prabhupāda: In India ci sono stati offerti tanti appezzamenti di terra. Ma non abbiamo uomini per la gestione.
Svarūpa Dāmodara: Ho anche ricevuto una lettera da Manipur. C’è un nostro Life Member -membro a vita-, Kulavida Singh, era preoccupato del fatto che i giovani stanno abbandonando il pensiero religioso, così ha voluto stabilire una sorta di scuola…
Prabhupāda: Che (indistinto) catastrofe è stata fatta da Vivekananda, yato mata tato patha, (indistinto).
Svarūpa Dāmodara: Così, hanno voluto avviare un ramo della ISKCON, ed era un…
Prabhupāda: penso che non sarà difficile. Manipur è…
Svarūpa Dāmodara: Sarà molto facile, perché…
Prabhupāda: …Vaiṣṇava. Quindi, se capiscono, sarà molto bello.
Svarūpa Dāmodara: Anche il governo partecipa. Così mi hanno scritto una lettera dicendo che possono darci una bella terra, i progetti, e…
Prabhupāda: Oh sì. E il tempio di Govindaji?
Svarūpa Dāmodara: il tempio di Govindaji è stato preso in consegna da parte del governo, così ho parlato, ho scritto una lettera…
Prabhupāda: Il Governo, non può gestire.
Svarupa Damodara: Non stanno gestendo correttamente.
Prabhupāda: Non possono. Non appena qualcosa va allo Stato, in particolare in India, se entra nel circuito del governo, lo si rovina. Governo significa tutti ladri e furfanti. Come faranno a gestire? Si mangeranno tutto ciò che ottengono. Governo significa…non possono gestire, non sono devoti. Dovrebbe essere nelle mani dei devoti. Così (indistinto)…l’uomo retribuito, vogliono i soldi, questo è tutto. Come possono gestire un tempio? È impossibile.
Svarūpa Dāmodara: Diventa un problema politico.
Prabhupāda: Questo è tutto. Eh?
Svarūpa Dāmodara: Diventa coinvolto nella politica. Così che…niente a che vedere con il culto.
Prabhupāda: In ogni caso, è per questo che il governo dovrebbe darlo nelle mani dei devoti. Siamo devoti riconosciuti, ISKCON. Se vogliono veramente la gestione. Gestiamo tanti centri con i devoti. Non è possibile gestire tutte queste cose con uomini retribuiti. Non è possibile. Prabhupāda: Non faranno mai…loro non… Questo Movimento può essere spinto vigorosamente finché siamo devoti, altrimenti sarà finito. Non può essere condotto da estranei qualsiasi. No. Solo i devoti. Questo è il segreto.
Devoto: Non è possibile pagare un devoto.
Prabhupāda: Questo non è possibile.
Devoto: È possibile pagare qualcuno per spazzare il pavimento, ma non si può pagare un predicatore. Prabhupāda: No, questo non è possibile. Questo non è possibile. Finché rimaniamo devoti il nostro movimento andrà, senza alcun freno. Devoto: I devoti devono conquistare il mondo.
Prabhupāda: Sì,…questo è un bene per il mondo. Prabhupāda: Se i devoti si occupano di tutto il mondo per la gestione, allora tutti saranno felici. Senza dubbio. Krishna vuole questo. Voleva che i Pāṇḍava fossero i responsabili del governo. Per questo preso parte ai combattimenti. “Sì, dovreste essere il… Tutti i Kaurava dovrebbero essere uccisi, e Mahārāja Yudhiṣṭhira insediato”. Questo ha fatto. dharma-saṁsthāpanārthāya. paritrāṇāya sādhūnāṁ vināśāya ca duṣkṛtām (BG 4.8). Vuole che tutto vada molto bene e le persone diventino coscienti di Dio. Così la loro vita sarà un successo. Questo è il piano di Krishna. “Queste mascalzone fuorviante e i suoi…hanno ottenuto la vita umana e l’hanno sciupata”. Perciò prima stavo dicendo “Qual è il significato dell’indipendenza? Cani che ballano”. La vita viene sprecata. Sciuperanno la loro vita e diventeranno la prossima vita un cane, e questi grandi, grandi edifici, si limiteranno solo a guardarli, questo è tutto. Questi grandi edifici che beneficio porteranno a queste persone che stanno per essere un cane nelle prossima vita? Prendiamola come teoria: chi costruisce questi grandi, grandi edifici, la prossima vita dovrà essere un cane.
Svarūpa Dāmodara: Ma non sanno che la vita dopo si diventerà un cane.
Prabhupada: Questa è la difficoltà. Loro non lo sanno. Pertanto maya -l’illusione-.

This post has already been read 135 times

Sorry, the comment form is closed at this time.