Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Oct 252016
 

img_0208

img_0217

Londra, 21 agosto 1973

Quando Krishna era sul campo di battaglia di Kurukṣetra, avete visto l’immagine, sembrva proprio come un ragazzo di 20 anni o, al massimo, 24 anni. Ma a quel tempo Egli aveva pronipoti. Pertanto, Krishna è sempre giovane. navayauvanam ca, questa è la dichiarazione delle Scritture vediche.
advaitam acyutam anādiṁ ananta-rūpam
ādyaṁ purāṇa-puruṣaṁ nava-yauvanaṁ ca
vedeṣu durlābhaṁ adurlābhaṁ ātmā-bhaktau
(Bs. 5.33)
Quindi, se per capire Krishna leggiamo la letteratura vedica semplicemente come una formalità, allora sarà molto difficile comprendere chi è Krishna; Vedesu durlābhaṁ, anche se tutti i Veda sono concepiti per comprendere Krishna. Nella Bhagavad-gītā si dice: vedaiś ca sarvair aham eva vedyo. aham eva vedyo. A che serve studiare i Veda se non si capisce Krishna? Perché l’obiettivo finale dell’insegnamento è comprendere il Signore Supremo, il Padre supremo, la Causa suprema. Come viene detto nel Vedānta-sūtra: janmādy asya yataḥ (SB 1.1.1). Athāto brahma jijñāsā. Brahma-jijñāsā, discutere circa la Suprema Verità Assoluta, il Brahman. Che cosa è che il Brahman? Janmādy asya yataḥ. Questo Brahman è ciò da cui tutto emana. Quindi la scienza, la filosofia, servono a scoprire la causa ultima di tutto. Ricaviamo dagli śāstra, la letteratura Vedica, che Krishna è la causa di tutte le cause, sarva-kāraṇa-kāraṇam. Sarva-kāraṇa-kāraṇam.
īśvaraḥ paramaḥ kṛṣṇaḥ
sac-cid-ānanda-vigrahaḥ
anādir ādir govindaḥ
sarva-kāraṇa-kāraṇam
(Bs. 5.1)
La causa di tutte le cause. Proprio come, cercate di capire, io sono causato da mio padre, mio padre è causato da suo padre, egli è causato da suo padre, suo padre… Continuando la ricerca arriverete definitivamente a qualcuno che è la causa. Ma Egli non ha una causa. anādir ādir govindaḥ (Bs. 5.1). Io posso essere la causa di mio figlio, ma anch’io sono il risultato di una causa: mio ​​padre. Ma gli śāstra dicono anādir ādir: Lui è la Persona originale, Egli è senza causa. Quello è Krishna. Pertanto Krishna dice: janma karma ca me divyaṁ yo jānāti tattvataḥ (BG 4.9). L’avvento di Krishna è una cosa molto importante. Dobbiamo cercare di capire Krishna, perché Egli appare, perché Egli viene in questo mondo materiale, di cosa Si occupa, quali sono le Sue attività. E se semplicemente tentiamo di capire Krishna, quale sarà allora il risultato? Il risultato è: tyaktvā dehaṁ punar janma naiti mām eti kaunteya (BG 4.9). Otterrete l’immortalità. Lo scopo della vita è quello di raggiungere l’immortalità. Amṛtatvāya kalpate.
Percui, nell’avvento di Krishna, cercheremo di capire la filosofia di Krishna. Sua Eccellenza ha parlato di pace. La formula della pace c’è, è detta da Krishna. Qual è?
bhoktāraṁ yajña-tapasāṁ
sarva-loka-maheśvaram
suhṛdaṁ sarva-bhūtānāṁ
jñātvā māṁ śāntim ṛcchati
(BG 5.29)
Politici e diplomatici stanno cercando di stabilire la pace nel mondo. Ci sono le Nazioni Unite e ci sono anche molte altre organizzazioni che stanno cercando di ottenere la vera pace e la tranquillità, niente malintesi tra uomo e uomo, nazione e nazione. Ma questo non sta accadendo. Ciò non sta accadendo. Il difetto è che c’è un errore alla radice. Ognuno sta pensando: “Questo è il mio Paese. Questa è la mia famiglia. È la mia società. È la mia proprietà.” Questo “mio” è l’illusione.

This post has already been read 211 times

Sorry, the comment form is closed at this time.