Dec 312016
 

Bhagavad-Gita 6.1 — Los Angeles, 13 febbraio 1969

Devoto: Prabhupāda, hai detto che l’anima spirituale è un decimillesimo della punta di un capello. Nel cielo spirituale l’anima spirituale ha comunque quella grandezza? Quando l’anima spirituale torna…
Prabhupāda: Quella è la sua condizione costituzionale. Sia nel cielo spirituale o nel cielo materiale è lo stesso. Ma come tu sviluppi un corpo materiale nel mondo materiale, allo stesso modo nel mondo spirituale tu puoi sviluppare un corpo spirituale. Segui? La tua condizione è quella di piccola particella, ma lo spirito si può espandere. Questa espansione nel mondo materiale si verifica a contatto con la materia e nel mondo spirituale quell’espansione può essere fatta con lo spirito. Qui nel mondo materiale io sono un’anima spirituale; io sono diverso da questo corpo perché questo corpo è materia e io sono vivente. Io sono forza vitale, ma questo corpo materiale non è forza vitale. E nel mondo spirituale tutto è forza vivente, non c’è materia morta e quindi anche il corpo è spirituale. Proprio come l’acqua con l’acqua è acqua, questo è tutto; ma acqua con olio c’è distinzione. Allo stesso modo, io sono un’anima spirituale, io sono, per esempio, l’olio. Io sono nell’acqua, quindi c’è distinzione; ma se mi immergo nell’olio, allora è tutto a posto. Gli impersonalisti non sviluppano il corpo, essi rimangono semplicemente come particella di spirito. Questa è la loro idea. Ma noi Vaiṣṇava vogliamo servire Krishna, quindi abbiamo bisogno di mani, gambe, bocca, lingua, tutto; così ci viene dato tale corpo. Come hai avuto questo corpo dal grembo della madre, allo stesso modo otteniamo il corpo nel mondo spirituale. Non dal grembo della madre, ma c’è un metodo per ottenerlo, lo si può ottenere.
Devoto: Credo che ciò non si possa fare artificialmente. Nessuno può farlo come un trucco. Nessuno può sviluppare un corpo spirituale semplicemente a proprio capriccio, “—Oh, svilupperò un corpo spirituale”, in pratica.
Prabhupāda: Questa pratica della coscienza di Krishna sta trasformando questo corpo materiale in corpo spirituale. Come si fa? L’esempio che ho dato più volte: mettete il ferro nel fuoco. Diventa così caldo che diventa fuoco. Quando il ferro è rosso rovente significa che ha acquisito le qualità del fuoco; toccando il ferro dovunque esso agirà come il fuoco. Analogamente questo corpo, anche se è materiale -ci sono tanti esempi. Un metallo elettrificato; il metallo non è elettrico, ma quando viene elettrificato, toccando il metallo si prende subito una scossa elettrica. Proprio come il filo elettrico, è rame. Ma non appena viene elettrificato, toccandolo si prende la scossa. Ci sono molti esempi. Allo stesso modo, se il vostro corpo è spiritualizzato l’azione materiale non c’è più. Azione materiale significa gratificazione dei sensi. Quanto più si diventa spiritualizzati, le esigenze materiali diventano nulle. Non più attività materiali.
Come si può fare? Lo stesso esempio: dovete tenere il ferro costantemente nel fuoco; dovete tenervi costantemente nella coscienza di Krishna e allora anche questo vostro corpo materiale viene spiritualizzato. C’è una legge grammaticale Sanscrita che si chiama mayat, mayat-pratyaya, che significa che c’è una parola, proprio come svarṇamaya. Svarṇamaya significa oro. Può essere definito oro quando è fatto di oro puro; se è fatto di qualcos’altro ma il rivestimento è in maggior parte d’oro, è anch’esso oro. Allo stesso modo, quando il corpo materiale è pieno solo di attività spirituali anch’esso è spirituale. Pertanto le persone sante… Naturalmente nel vostro Paese tutti sono messi nella tomba dopo il trapasso ma in India, in accordo al metodo Vedico, il corpo non viene bruciato solo per personalità molto elevate, devoti. viene’considerato spirituale. Il corpo di un sannyāsī non viene bruciato perché è considerato spirituale. Come diventa spirituale? Lo stesso esempio: Quando il corpo non ha più alcuna attività materiale ma solamente attività spirituale nella coscienza di Krishna, quel corpo è spirituale. Percui se questo mondo diventa pienamente cosciente di Krishna senza che nessuno lavori per la gratificazione dei sensi ma solo per la soddisfazione di Krishna, questo mondo diventa subito il mondo spirituale. Questo richiede un po’ di tempo per capire. Qualsiasi cosa usata per Krishna, semplicemente per la soddisfazione di Krishna, è spirituale. Proprio come questo microfono che stiamo usando per parlare di Krishna, quindi è spirituale. In caso contrario, qual è la differenza tra questo prasādam e il cibo ordinario? Stiamo distribuendo prasadam, la gente dirà: “Perché è prasādam ? Mangiamo la stessa frutta, è stata semplicemente tagliata a pezzi ed è diventata prasādam? ” Possono dire così. Come mai è prasādam? Ma è prasādam. Continuate a mangiare questo prasādam e si diventa spiritualizzati. È prasādam davvero. Proprio come lo stesso esempio che se prendo il ferro rovente e dico “È fuoco”. Qualcuno potrebbe dire: “Oh, perché è fuoco? È di ferro”. Io dico: “Toccalo”. Sono crudi esempi ma questo è… Quando le vostre attività… In realtà in un senso più elevato non c’è materia. Non c’è materia, tutto è spirituale perché Krishna è spirituale. Krishna è Spirito completo, e la materia è una delle energie di Krishna e quindi è anch’essa spirito; ma poiché è utilizzata in modo improprio, non allo scopo di Krishna, allora è materia. Il nostro Movimento per la Coscienza di Krishna è per spiritualizzare tutte le cose. Tutta la condizione sociale, politica, qualsiasi cosa. È un movimento molto bello, la gente dovrebbe cercare di capirlo. E se effettivamente spiritualizzerà il mondo intero -naturalmente non è possibile, ma l’ideale è quello- se uno almeno individualmente prova questo metodo di ri-spiritualizzazione, la sua vita diventa perfetta.
Categories: 1080 Italian Pages with VideosPrabhupada 0642 – in all LanguagesIT-Quotes – 1969IT-Quotes – Lectures, Bhagavad-gita As It IsIT-Quotes – in USAIT-Quotes – in USA, Los AngelesItalian Pages – Yoga System

This post has already been read 160 times

Sorry, the comment form is closed at this time.