Apr 172017
 

Honolulu, 30 maggio 1976

Prabhupāda: C’è la tendenza a diventare guru. Dopo tutto, ognuno di voi dovrebbe diventare guru. Ma perché il tentativo immaturo? Questa è la mia domanda. Ognuno diventerà guru quando è un discepolo esperto, ma perché questo tentativo immaturo? Il guru non è una cosa da imitare; quando uno è maturo, diventa automaticamente guru. Qual è la risposta a questo? Ci sono stati alcuni tentativi di diventare guru. Vi sto formando tutti a diventare guru in futuro. Il Movimento per la Coscienza di Krishna, le proprietà e tutto il resto non le porterò con me, rimarranno dove sono. E’ necessaria una gestione molto matura. Ma c’è stato qualche tentativo di diventare improvvisamente guru. Ho ragione o no? Hm? Anche noi (io) stiamo agendo come guru; anche gli altri miei confratelli stanno facendo questo. Ma non l’abbiamo mai fatto col nostro Guru Mahārāja in vita, non è questa l’etichetta. C’è un tentativo immaturo. E non è una cosa che con un tentativo artificiale si diventa guru. Il guru è accettato da (indistinto), e non per un tentativo artificiale. Āmāra ājñāya guru hañā (CC Madhya 7.128): “Seguite il Mio ordine e diventarte guru.” Non che si diventa guru.
āmāra ājñāya guru hañā tāra’ ei deśa
yāre dekha, tāre kaha “kṛṣṇa”-upadeśa
(CC Madhya 7.128)
Dovete seguire il sistema paramparā, l’ordine. Questo è il guru. Non che io dichiaro me stesso guru. No. Quello non è il guru. Guru è colui che ha seguito rigorosamente l’ordine del maestro spirituale. Lui può diventare guru. Altrimenti sarà rovinato. Tentare artificialmente non va bene.

This post has already been read 70 times

Sorry, the comment form is closed at this time.