Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Sep 152016
 

image

Srimad Bhagavatan 7.9.4 — Mayapur, 18 febbraio 1977

Questa stessa qualificazione, essere puro devoto, rende mahā-bhāgavata. Ma ci sono delle fasi. Il mahā-bhāgavata fin dalla nascita, si chiama nitya-siddha. Sono eternamente siddha, perfetti. Vengono per qualche scopo. Così Prahlāda Mahārāja è venuto per questo scopo. Il demone, anche se il propio padre, potrebbe dare tanti problemi se si è coscienti di Krishna. Questo è l’insegnamento. Prahlāda Mahārāja ha voluto mostrare questo per ordine di Krishna. Hiraṇyakaśipu è venuto mostrando come diventare nemici di Krsna; e Prahlāda Mahārāja è venuto mostrando come diventare un devoto. Questo è ciò che succede.
Quindi il mahā-bhāgavata… kaniṣṭha-adhikārī, madhyama-adhikārī e mahā-bhāgavata, o uttama-adhikārī. kanistha-adhikārī: all’inizio deve essergli insegnato come adorare la Divinità in modo perfetto. Secondo l’insegnamento degli śāstra, secondo le istruzioni del guru, si deve imparare come adorare la Divinità.
arcāyām eva haraye yaḥ
pūjāṁ śraddhāyehate
na tad-bhakteṣu cānyeṣu
sa bhaktaḥ prākṛtaḥ smṛtaḥ
(SB 11.2.47)
Ma si deve fare progresso. Questo è l’avanzamento nel servizio devozionale. Semplicemente rimanendo bloccati all’adorazione della Divinità non c’è sentimento per gli altri, na na cānyeṣu tad-bhakta, tu non sai chi è devoto, come adorarlo, e allora si resta kanistha-adhikārī. E madhyama-adhikārī significa che si deve conoscere la propria posizione, la posizione degli altri, la posizione del devoto, la posizione di Dio; questo è il madhyama-adhikārī. Īśvare tad-adhīneṣu bāliśeṣu dviṣatsu ca (SB 11.2.46). Egli avrà quattro tipi di visione. Bhagavān, īśvara, tad-adhīneṣu, lui è uno che ha preso rifugio in Bhagavān -questo significa devoto- īśvare tad-adhīneṣu; baliśu, bambini innocenti, proprio come questi bambini, baliśa, arbhakaḥ; e dviṣatsu, invidioso. Un madhyama-adhikārī può vedere questi quattro tipi di persone diverse, e si occupa di loro in modo diverso. Quali? Prema-maitrī-kṛpopekṣā. Īśvara, amare Dio, Krishna, prema. E maitrī. maitrī significa fare amicizia. Dovremmo fare amicizia con colui che è devoto. Non dovremmo essere invidiosi; dovremmo farne un amico. maitrī, e all’innocente, proprio come questi bambini, kṛpa, mostrare loro misericordia, come potrano diventare devoti, come impareranno a cantare, ballare, dare loro da mangiare, dare loro istruzione. Questo si chiama kṛpa. E infine upekṣā. upekṣā indica coloro che sono invidiosi, non frequentateli. upekṣā. “No, lasciateli…” Ma il mahā-bhāgavata non fa alcun upekṣā. Ama anche coloro che sono dviṣatsu. Proprio come Prahlāda Mahārāja. Il padre di Prahlāda Mahārāja era molto, molto invidioso. Eppure Prahlāda Mahārāja ha rifiutato di accettare qualsiasi benedizione per il proprio beneficio personale; piuttosto pregò il Signore Nṛsiṁha-deva di scusare suo padre; “Mio padre ha …” lui non chiese nulla per sé. Ma tuttavia egli sapeva: “In tutta la mia vita mio padre aveva fatto la parte del nemico, offeso in modo…(iterrotto) Quindi questa è l’occasione. Implorerò il Signore di scusare mio padre” Krishna sapeva. Suo padre era già scusato. Per il fatto di essere diventato il padre di Prahlāda Mahārāja è già stato benedetto. Non è cosa ordinaria avere un tale buon figlio. Così, non appena Prahlāda Mahārāja richiese a Nṛsiṁha-deva: “Sii gentile da scusare mio padre”, Egli immediatamente rispose: “Non solo tuo padre. Suo padre, suo padre, suo padre, tutti sono liberati.” Quindi dovremmo imparare da Prahlāda Mahārāja che se in una famiglia un bambino diventa devoto è il migliore bambino, il migliore. Sta rendendo il miglior servizio alla famiglia. Ma i mascalzoni la prendono diversamente, “Mio figlio è diventato devoto; portatelo indietro per deprogrammarlo, per rapirlo.” La gente è così farabutta. Vedete? Non prendono un grande vantaggio che “Il mio fortunato figlio è diventato un devoto. La mia intera famiglia sarà liberata”. Ma loro non hanno conoscenza. Non hanno cervello. Perciò io dico che non è ‘lavaggio del cervello’, è ‘fornire di un cervello’. Loro non hanno cervello. Quindi prendete ciò molto sul serio e fatelo bene.
Grazie molte.

This post has already been read 99 times

Sorry, the comment form is closed at this time.