Oct 252016
 

img_0222

Londra, 29 agosto 1971

Dobbiamo seguire le orme dei Gosvāmī; cercare Krishna e Rādhārāṇī a Vṛndāvana o nel proprio cuore. Questo è il procedimento del bhajan di Caitanya Mahāprabhu: sentimento di separazione, vipralambha, vipralambha-sevā. Proprio come Caitanya Mahāprabhu che sentendo la separazione da Krishna cadde in mare. Era uscito dalla Sua stanza, la Sua camera da letto, e andato fuori nel cuore della notte. Nessuno sapeva dove fosse andato. Stava cercando. Caitanya Mahāprabhu insegna questa procedura nel servizio di devozione. Non troppo facilmente, come: “Abbiamo visto Krishna”, o: “Abbiamo visto Rādhārāṇī nella rāsa-līlā”; No, non così. Sentire la separazione. Si dovrebbe capire che si sta avanzando più si sente la separazione da Krishna. Non cercare di vedere Krishna artificialmente; essere avanzati nel sentimento di separazione, allora sarà perfetto. Questo è l’insegnamento di Sri Caitanya. Perché con i nostri occhi materiali non possiamo vedere Krishna. ataḥ śrī-kṛṣṇa-nāmādi na bhaved grāhyam indriyaiḥ (CC Madhya 17.136) Con i nostri sensi materiali non possiamo vedere Krishna, non possiamo ascoltare ciò che riguarda il nome di Krishna. Ma, sevonmukhe hi jihvādau. Quando impegnate voi stessi nel servizio al Signore, da dove comincia il servizio? jihvādau. Il servizio comincia dalla lingua. Non dalle gambe, gli occhi, o le orecchie; comincia dalla lingua. sevonmukhe hi jihvādau. Iniziate il servizio attraverso la vostra lingua; come? Cantate Hare Krishna. Usate la vostra lingua. Hare Kṛṣṇa, Hare Kṛṣṇa, Kṛṣṇa Kṛṣṇa, Hare Hare Hare Rāma, Hare Rāma, Rāma Rāma, Hare Hare. E prendere kṛṣṇa-prasādam. La lingua ha due mansioni: articolare il suono Hare Krishna e prendere prasādam. Con questa procedura realizzerete Krishna. Non cercate di vedere Krishna. Non potete vedere Krishna con i vostri occhi materiali, nemmeno si può sentir parlare di Lui con orecchie materiali, né Lo si può toccare. Ma se impegnate la vostra lingua al servizio del Signore allora Lui stesso Si rivelerà a voi: “Eccomi”. Questo è il modo voluto. Percui: provare separazione da Krishna, proprio come Rādhārāṇī, come ci insegna Sri Caitanya, e impiegare la lingua al servizio del Signore; poi, un giorno, quando si è maturi, vedrete Krsna negli occhi.
Molte grazie.

This post has already been read 131 times

Sorry, the comment form is closed at this time.