Jul 262016
 

image

Bhagavad-Gita 2.3 — Londra, 4 agosto 1973

Adarśanam. Tutti vogliono vedere Krishna, ma un puro devoto dice a Krishna: “No, se non Ti piace vedere me, va bene. Puoi spezzarmi il cuore, ma possa sempre io pregare di vederTi. Ma tu non vieni, ciò mi spezza il cuore ma posso anche accettarlo, tuttavia io adoro Te. Questa è pura devozione. Non piuttosto: ‘Ho chiesto a Krishna di venire davanti a me a ballare, non è venuto, allora abbandono questa assurdità del Movimento per la Coscienza di Krishna, non c’è alcun valore’. Non è così. Questo è l’atteggiamento di Rādhārāṇī. Quando Krishna lasciò Vṛndāvana, tutte le gopī passavano le loro giornate semplicemente piangendo per Krishna; ma non condannarono mai Krishna. Ogni volta che qualcuno arrivava…Krishna anche pensava a loro, perché le gopī sono le più grandi devote, i devoti più elevati. Non ci sono paragoni con la devozione delle gopī. Perciò Krishna era sempre in debito con loro. Krishna ha detto alle gopī: “Dovete essere soddisfatte delle vostre stesse occupazioni Non posso darvi nulla in cambio del vostro amore”. Krishna, il Supremo, l’onnipotente, Egli non è in grado di ripagare il debito verso le gopī. Quindi le gopī…Caitanya Mahāprabhu dice ramyā kācid upāsanā vraja-vadhu-vargeṇa yā kalpitā Non c’è miglior adorazione di quella che è stata concepita dalle gopī. Così le gopī sono i devoti più elevati. E tra le gopī, Śrīmatī Rādhārāṇī è la più elevata. Pertanto Śrīmatī Rādhārāṇī è più grande di Krishna.
Quindi questa è la filosofia Gauḍīya-Vaiṣṇava, e richiede tempo. Così le attività di Krishna…che i mascalzoni semplicemente vedono come ‘Krishna incita Arjuna a combattere, per cui Krishna è immorale’ questa è ciò che significa visione errata. Devi vedere Krishna con occhi diversi. Perciò Krishna dice nella Bhagavad-gītā: janma karma ca me divyaṁ (BG 4.9) Divyam: queste attività trascendentali di Krishna. Se qualcuno è in grado di capirle, semplicemente chiunque possa capirle, diventa liberato immediatamente. Liberato. Non liberazione ordinaria, ma per tornare a casa, da Dio. tyaktvā dehaṁ punar janma naiti mām eti so ‘rjuna (BG 4.9) La più grande liberazione. Ci sono anche diversi tipi di liberazione. sāyujya sārūpya sārṣṭi sālokya sāyujya… (CC Madhya 6.266). Cinque tipi di liberazione. sāyujya significa fondersi nell’esistenza, Brahman, brahma-laya, anche questa è liberazione. I māyāvādī o la jnani sampradāya, vogliono fondersi nell’esistenza, l’esistenza Brahman. Anche questa è mukti, si chiama sāyujya-mukti. Ma per un devoto, questa sāyujya-mukti è come l’inferno. kaivalyaṁ narakāyate. Così, per il vaiṣṇava, il kaivalyam è… monismo, fondersi nell’esistenza del Supremo. Viene paragonato all’inferno. kaivalyaṁ narakāyate tri-daśa-pūr ākāśa-puṣpāyate (Caitanya-candrāmṛta 5) anche i karmī, i jnani sono ansiosi di fondersi nell’esistenza della radiosità del Brahman, e per i karmī, il loro obiettivo più alto è essere elevati nel sistema planetario superiore, Svarga-loka, dove c’è Indra, o dove c’è Brahmā. Questa è l’ambizione dei karmī, andare in paradiso. Tutti quanti, tranne la filosofia vaiṣṇava, in tutti le altre letterature, in tutte le altre Scritture, cristiana e musulmana, il loro obiettivo è essere elevati al paradiso.

This post has already been read 69 times

Sorry, the comment form is closed at this time.