Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Dec 262016
 

Bhagavad-Gita 2.13 — Pittsburgh, 8 settembre 1972

Qui Krishna detta la conoscenza perfetta:
dehino ‘smin yathā dehe
kaumāraṁ yauvanaṁ jarā
tathā dehāntara-prāptir
dhīras tatra na muhyati
(BG 2.13)
Dehinaḥ, il corpo dell’anima vivente sta cambiando. Allo stesso modo, dopo la morte, dopo la cosiddetta morte… Perché non c’è la morte. Dopo l’arresto delle funzioni di questo corpo grossolano l’anima è trasferita in un altro corpo grossolano. Questa affermazione la otteniamo dalla Bhagavad-gītā. E se accettiamo la dichiarazione che le cose stanno così, allora la nostra vita spirituale ha immediatamente inizio. Senza questa comprensione non c’è questione di comprensione spirituale; tutto rimane sul vago, una sterile speculazione mentale: “Forse”, “Può darsi”. Queste teorie vengono inoltrate dai cosiddetti scienziati e filosofi. Ma noi non accettiamo queste cose come “Forse”, “Può darsi”. No. Noi accettiamo i fatti. Non è una questione di fede; si tratta di una questione di fatti. Quindi questo è il fatto: ora, come trasmigra l’anima?
Supponiamo che dopo questa vita io abbia una vita migliore; ciò è un bene. Ma se ho una vita inferiore, qual è la condizione allora? Supponiamo che la prossima vita ho la vita di un gatto, o un cane o di una mucca. Supponiamo che si nasca in America: se cambiate il vostro corpo allora le intere circostanze cambiano. Come essere umano vi si è data tutta la protezione da parte dello Stato, ma non appena siete in un altro corpo, di albero o di animale, il trattamento è diverso. Gli animali vanno al macello; gli alberi vengono tagliati. Senza alcun segno di protesta. Quindi, questa è la condizione della vita materiale. A volte otteniamo una condizione di vita migliore, a volte otteniamo una condizione di vita inferiore. Non vi è alcuna garanzia, dipenderà dal mio lavoro. In pratica è così. Anche in questa vita, se si diventa istruiti allora il vostro futuro è molto piacevole; se non si è istruiti, allora il vostro futuro non è così brillante. Allo stesso modo, in questa forma di vita umana siamo in grado di ottenere una soluzione a questo ripetersi di nascite e morti. E questo è l’unico impegno della forma umana: come uscire da queste condizioni di vita materiali, la nascita, la morte, la vecchiaia e la malattia. Possiamo avere la soluzione. E questa soluzione è la coscienza di Krishna. Non appena si diventa coscienti di Krishna… Cosciente di Krishna significa Krishna il Supremo, Lui, il Signore, Dio, del Quale noi siamo parte integrante. questa è la coscienza di Krishna. Semplicemente come avere la comprensione di vostro padre, dei vostri fratelli e di voi stessi. Voi siete tutti figli del padre, non è difficile da capire. Come il padre mantiene tutta la famiglia, allo stesso modo, Krishna, il Signore Supremo, o Dio, mantiene innumerevoli figli, gli esseri viventi, l’intero nucleo famigliare. Qual è la difficoltà? Poi, il dovere successivo, è quello di arrivare a sviluppare la coscienza . Proprio come un buon figlio quando sente che il padre ha fatto tanto per lui. “Devo ripagarlo, o almeno sentirmi obbligato per ciò che mio padre ha fatto per me.” Questo profondo sentimento si chiama coscienza di Krishna.

This post has already been read 82 times

Sorry, the comment form is closed at this time.