Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Dec 252016
 

Srimad-Bhagavatan 1.7.24 — Vrndavana, 21 settembre 1976

matir na kṛṣṇe parataḥ svato vā mitho ‘bhipadyeta gṛha-vratānām (SB 7.5.30). gṛha-vratānāṁ matir na kṛṣṇe: coloro che hanno fatto voto di rimanere nella vita di famiglia e migliorare la propria condizione, gṛha-vratānām. gṛhastha e gṛha-vrata sono differenti; gṛhastha significa gṛhastha-āśrama, vivere con marito, moglie o figli, ma con l’obiettivo di migliorare la vita spirituale. Questo è il gṛhastha-āśrama. E chi non ha tale scopo, chi vuole semplicemente godere dei sensi e per tale scopo decora la casa, decora la moglie, i figli, egli si chiama gṛha-vrata o gṛhamedhī. In sanscrito ci sono termini diversi per significati differenti. Coloro che sono gṛha-vrata non possono essere coscienti di Krishna, matir na kṛṣṇe parataḥ svato vā. parataḥ intende per l’insegnamento del guru o dell’autorità, parataḥ. E svato vā; svataḥ significa automaticamente. E non è possibile automaticamente neanche attraverso l’insegnamento. Perché il suo voto è “io rimarrò in questo modo”, gṛha-vratānām. Matir na kṛṣṇe parataḥ svato vā mitho ‘bhipadyeta. Mithaḥ, non con congressi, meeting, approvando risoluzioni; ‘vogliamo diventare coscienti di Krishna’, così non è possibile. E’ del tutto individuale. Ci si deve arrendere a Krishna individualmente. Proprio come andare nel cielo con un aereo: è tutto individuale. Se uno aereo è in pericolo, un altro aereo non può salvarlo. Questo non è possibile. Analogamente, tutto è individuale. E’ tutto parataḥ svato vā. Lo si deve prendere sul serio, personalmente: “Krishna lo vuole, quindi mi sottometterò. Krishna ha detto: sarva-dharmān parityajya mām ekaṁ śaraṇaṁ vraja (BG 18.66), quindi lo farò.” Non invece: “Quando lo farà mio padre, allora l’avrò fatto”, oppure “Lo farà mio marito, e allora io l’avrò fatto”, o “Lo farà mia moglie”. No. E’ del tutto individuale. E non vi è alcuna limitazione, nessun limite; ahaituky apratihatā, se ci si vuole arrendere a Krishna nessuno può ostacolarvi. ahaituky apratihatā yayātmā suprasīdati (SB 1.2.6). Quando fai ciò individualmente… Se è fatto collettivamente va bene, ma deve essere fatto individualmente.

This post has already been read 55 times

Sorry, the comment form is closed at this time.