Apr 212017
 

Srimad Bhagavatan 1.5.13 — New Vrindaban, 13 giugno 1969

Prabhupāda: Ogni singola parola dello Śrīmad-Bhāgavatam corrisponde a volumi di spiegazione; ogni sola parola. Questo è lo Śrīmad-Bhāgavatam. Vidyā-bhāgavatāvadhi. La conoscenza verrà appresa quando si avrà capito lo Śrīmad-Bhāgavatam. Vidyā. Vidyā significa apprendere, non questa scienza, quella scienza. Quando si può capire lo Śrīmad-Bhāgavatam nella giusta prospettiva, allora è da intendersi che si ha finito col progresso educativo. Avadhi. Avadhi significa “questo è il limite di istruzione”. Vidya-bhāgavatāvadhi.
Così qui Narada dice akhila-bandha-muktaye (SB 1.5.13): “Dovresti presentare la letteratura alle persone in modo che possano liberarsi da questo stadio condizionale di vita; non ci si dovrebbe impigliare sempre più in questo condizionamento”. Questo è il tema principale dell’insegnamento di Nārada a Vyāsadeva: “Perché dovresti presentare letteratura spazzatura che prolunga lo stadio condizionato?” Tutta la civiltà Vedica è intesa per dare la liberazione agli esseri viventi da questa schiavitù materiale. La gente non sa qual è lo scopo dell’educazione. L’obiettivo della formazione, l’obiettivo della civiltà, la perfezione della civiltà, dovrebbe consistere nel come liberare le persone da questa vita condizionata. Questo è l’intero schema della civiltà Vedica: dare la liberazione alla popolazione.
Per cui viene detto: akhila-bandha-muktaye (SB 1.5.13). Samādhinā, akhilasya bandhasya muktaye, akhilasya bandhasya. Siamo allo stato condizionato, perennemente vincolati dalle leggi della natura materiale. Questo è la nostra condizione. E Nārada sta dando istruzioni a Vyāsadeva: “Proponi una letteratura tale in modo che possano essere liberati. Non dare loro sempre più possibilità di continuare con questa vita condizionata”. Akhila-bandha. Akhila. Akhila significa completo, comprensivo. E chi può dare questo contributo? Anche ciò viene affermato: atho mahā-bhāga bhavān amogha-dṛk (SB 1.5.13). Coloro la cui visione è chiara. La cui visione è chiara. (riguardo un bambino) Disturba.
Devota: Ti sta disturbando?
Prabhupāda: Sì. Chiara visione. A meno che non si ha una visione chiara, come si può fare del bene? Non si sa cosa sia il bene; e se la propria visione è offuscata, se non si conosce la meta del proprio viaggio, come si può fare progresso? Pertanto la qualificazione… Coloro che sono disposti a fare del bene alla società umana devono avere una visione chiara. Ebbene, dove è la visione chiara? Ognuno sta diventando leader. Ognuno sta cercando di guidare la gente. Ma essendo cieco non sa qual è il fine della vita. Na te viduḥ svārtha-gatiṁ hi viṣṇum (SB 7.5.31). Per cui Vyāsadeva può farlo, perché ha una chiara visione. Nārada certifica. Nārada conosce il suo discepolo, qual è la posizione. Un maestro spirituale sa qual è la condizione. Proprio come un medico sa, sentendo semplicemente il battito del polso. Un medico esperto può sapere qual è la condizione del paziente, e di conseguenza gli dà la medicina. Allo stesso modo, un maestro spirituale che è veramente un maestro spirituale, può conoscere il battito del polso del discepolo, e gli dà quindi un particolare tipo di medicina in modo che egli possa essere curato.

This post has already been read 80 times

Sorry, the comment form is closed at this time.