Apr 022017
 

Bhagavad Gita 7.4 — Bombay, 19 febbraio 1974

C’è l’anima, c’è il corpo materiale grossolano, e c’è il corpo materiale sottile. L’anima è il principio di base, ma per ottenere un corpo, come ho già spiegato, le secrezioni prodotte dal padre e dalla madre, mescolandosi, si emulsionano e formano un organismo come un pisello, dove l’anima si situa arrivando attraverso il seme del padre. Poi il corpo si sviluppa. Cercate di capire: poiché c’è l’anima spirituale, allora la materia si sviluppa. Se l’anima non c’è, se il bambino è morto, non c’è più lo sviluppo. Niente più sviluppo. Nessun bambino morto sviluppa un corpo, tutti lo sanno. Pertanto, tali elementi materiali provengono dall’anima spirituale, non che l’anima spirituale proviene dagli elementi materiali. Non è così, questa teoria è sbagliata. Se viene da una combinazione materiale, allora perché non produrre un essere vivente in laboratorio? In laboratorio non si può, perché la creazione materiale avviene quando è voluta una circostanza particolare, un’atmosfera, e c’è anumantā, il Signore Supremo, Colui che dà la sanzione suprema. Lui mi dà la possibilità di entrare in un certo tipo di corpo materno, e la materia cresce. Quindi la realtà effettiva è che l’energia, l’energia materiale, deriva da un’anima spirituale. Se, ad esempio, vi do delle sostanze chimiche. Ora, prendete un albero di limone. Si tratta di un essere vivente, e produce almeno centinaia di chili di acido citrico. Tutti sanno che se si prende una cinquantina di limoni oggi, e poi ancora cinquanta limoni, si estrae dai limoni una vasta quantità di acido citrico. Come avviene la produzione chimica dell’acido citrico? E’ dovuta all’entità vivente che è nell’albero. Quindi la conclusione dovrebbe essere che le sostanze chimiche vengono dalla vita; la vita non viene dalle sostanze chimiche. Se la vita viene dalle sostanze chimiche, allora producetela. Vi do la sostanza chimica, qualunque prodotto chimico si desideri. La sostanza chimica viene prodotta, ne avete esperienza quando c’è il sudore. Assaggiate il sudore. C’è il sale. Da dove arriva il sale? Qual è il nome chimico? Carbonato di sodio, no?
Devoto: Cloruro.
Prabhupāda: Cloruro di sodio. Cloruro di sodio. Il cloruro di sodio, da dove viene? Viene dal vostro corpo, e il corpo viene dall’anima. Pertanto, la causa originale del cloruro di sodio è l’anima. Così, come potete analizzare una piccola quantità di sostanze chimiche dal vostro corpo, dal corpo dell’albero, da un qualsiasi organismo, immaginate solo il corpo illimitato, gigantesco di Krishna, il virāṭ-puruṣa, quante sostanze chimiche può produrre. Pertanto, non considerate che tutto questo è immaginazione. Krishna dice:
bhūmir āpo ‘nalo vāyuḥ
khaṁ mano buddhir eva ca
ahaṅkāra itīyaṁ me
bhinnā prakṛtir aṣṭadhā
(BG 7.4)
“Questi otto tipi di materia, grossolani e sottili, sono la Mia energia”. Provengono da Krishna. Se voi… Krishna non dice sciocchezze. Lui non vi prede in giro. Altrimenti, coloro che sono avanzati, perché leggono la Bhagavad-gītā? Perché è autorevole; Krishna sta parlando. Il fatto è questo. L’autorità più elevata. Dobbiamo ricevere la conoscenza dall’autorità; non possiamo produrre conoscenza, non si può; così è conoscenza imperfetta, perché i nostri sensi sono imperfetti.

This post has already been read 91 times

Sorry, the comment form is closed at this time.