Dec 172016
 

Bhagavatan-Gita 2.13-17 — Los Angeles, 29 novembre 1968

Nandarāṇī: Quando le donne in famiglia crescono i propri figli nella coscienza di Krishna, questo sembra essere un servizio indiretto a Krishna. Dovrebbero cercare di servirLo più direttamente? Magari cucinando nel tempio, o una cosa del genere, insomma più direttamente; oppure allevando i bambini e avendo solo una funzione in famiglia il servizio è abbastanza? Il servizio è sufficiente?
Prabhupāda: Sì, la cosa è che si deve essere coscienti di Krishna. Proprio come l’elettricità. Toccando un cavo elettrico, o unendo un cavo con l’altro, al contatto, di fatto, l’elettricità è ovunque. Allo stesso modo se la nostra coscienza di Krishna è appropriatamente connessa non c’è questione di diretta o indiretta, perché nel mondo assoluto non ci sono differenze. Venire a contatto con la connessione significa: con la successione di maestri; perché la connessione discende da uno dopo l’altro. Quindi se entriamo in contatto con il maestro spirituale, che a sua volta è collegato, c’è il collegamento, come con l’elettrcità. Non è questione di diretta o indiretta. Evaṁ paramparā-prāptam imaṁ rājarṣayo viduḥ (BG 4.2). Dobbiamo solamente vedere se la connessione è interrotta; se la connessione c’è, ben stretta, allora l’energia elettrica arriverà; senza dubbio. Al nostro stato condizionato ci saranno tanti dubbi, tante implicazioni, ma, come nell’esempio di prima, non siate troppo frettolosi di ricevere immediatamente il risultato. Dobbiamo semplicemente seguire. Dobbiamo seguire. tat-tat-karma-pravartanāt (Upadeśāmṛta 3). Rūpa Gosvāmī fa notare sei cose a cui prestare particolare attenzione e sei cose che dobbiamo evitare per essere perfetti nella coscienza di Krishna.
utsāhād niścayāt dhairyān: il primo principio è che si deve essere molto entusiasti. Bisogna credere quando Krishna ha detto: na me bhaktaḥ praṇaśyati (BG 9.31), “Il Mio devoto non perirà mai.” Quindi: —”Diventerò un sincero devoto di Krishna”; questo si chiama entusiasmo. E poi dhairyāt: —”Sono diventato devoto di Krishna, ma ancora non mi sento felice. Come mai?” Perciò si deve diventare pazienti. Ci deve essere entusiasmo e ci deve essere anche pazienza. E niścayāt. niścayāt significa che dovete essere fiduciosi: —”Krishna ha detto che il Suo devoto non perirà mai, quindi sicuramente non sarò mai vinto; anche se non è quello che provo ora, continuerò il mio dovere.” utsāhād dhairyān niścayāt tat-tat-karma-pravartanāt (Upadeśāmṛta 3) Ma dovete compiere i vostri doveri come prescritto, sato vṛtteḥ. Senza duplicità. sato vṛtteḥ significa: rapporto chiaro, rapporto schietto. sato vṛtteḥ, e sādhu-saṅge: e in compagnia dei devoti. Quindi, uno deve essere entusiasta, deve essere paziente, deve essere fiducioso, si deve eseguire il dovere, ci si deve associare con i devoti, e si deve essere molto onesti nei rapporti. Sei cose. Se ci sono queste sei cose, il successo è certo.

This post has already been read 134 times

Sorry, the comment form is closed at this time.