Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Dec 252016
 

Bhagavad-Gita 2.13 — Pittsburgh, 8 settembre 1972

dehino ‘smin yathā dehe
kaumāraṁ yauvanaṁ jarā
tathā dehāntara-prāptir
dhīras tatra na muhyati
BG 2.13
Il problema attuale è questo: le persone non sono istruite riguardo alla forza vitale di questo corpo, dehī, come si spiega qui nella Bhagavad-gītā. dehī indica il proprietario di questo corpo; tutti, non solo noi esseri umani, ma anche chi inferiore all’essere umano, tutti gli esseri viventi. Ci sono 8.400.000 forme di esseri viventi e sono chiamati dehī; dehī significa proprietario del corpo. Ci sono diverse specie di vita: il cane, il gatto, l’essere umano, il presidente, o chi più elevato o più basso. Ognuno è il proprietario del corpo, ne abbiamo esperienza. Voi sapete tutto riguardo i dolori e i piaceri del corpo. Io so quali sono i dolori ei piaceri del corpo. Questo corpo ci è stato dato dalla natura materiale come nostro campo di attività. con corpo diverso si agisce in modo diverso; le vostre attività e le mie attività non sono le stesse. Le attività del cane e le attività dell’uomo sono diverse perché il cane ha un tipo di corpo diverso e io ho un diverso tipo di corpo; ognuno di noi, dehino ‘smin yathā dehe (BG 2.13). dehī, l’essere vivente, o la forza vitale, è in questo corpo e il corpo cambia, dehino ‘smin yathā dehe kaumāraṁ yauvanaṁ jarā (BG 2.13). Kaumāram significa fanciullezza. Yauvanam significa giovinezza e jarā significa vecchiaia, corpo anziano. Ora io sono vecchio ma posso ricordare che ho avuto il corpo di un ragazzo e ho avuto il corpo di un giovane uomo. Ora ho questo corpo anziano. Anche se il corpo da ragazzo, il corpo da giovane non esistono più io esisto. Questo è un dato di fatto, chiunque lo può capire. Ha un passato, un presente e un futuro. Voi qui presenti siete tutti ragazzi e ragazze e avete avuto in passato il vostro corpo infantile. Allo stesso modo, avete un vostro corpo futuro, che è in attesa. Io ce l’ho, voi lo aspettate. Possiamo comprendere relativamente passato, presente e futuro in ogni condizione di vita. Quindi la conclusione è che, quando questo corpo anziano come io ho ora… Io ho 77 anni. Quando questo corpo sarà finito, otterrò un altro corpo; come ho già avuto, consecutivamente, dall’infanzia alla fanciullezza, all’adolescenza, al corpo anziano, quindi perché non un prossimo corpo? Si tratta di una semplice verità: l’essere vivente, o l’anima, trasmigra da un corpo all’altro. Questo è il principio di base della comprensione spirituale. La forza vitale del corpo è l’anima spirituale, non è per una disposizione meccanica della materia. Gli attuali cosiddetti scienziati pensano che il corpo è una combinazione di materia e, ad un certo punto, queste combinazioni di materia sviluppano sintomi di vita. Ma la realtà non è questa. Se è vero, allora gli scienziati possono fabbricare un corpo vivente con prodotti chimici. Ma uno scienziato fino ad oggi non è in grado di produrre neanche un corpo come la formica, che dire di altri animali più grandi.

This post has already been read 64 times

Sorry, the comment form is closed at this time.