Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Dec 312016
 

Bhagavad-Gita 2.30 — Londra, 31 agosto 1973

Krishna c’è anche al livello più basso della vita animale. Come Egli stesso dice: dehe sarvasya bhārata (BG 2.30). In un altro passo Krishna dice ‘dehī ‘, o kṣetra-jña; c’è il proprietario del corpo e c’è un altro kṣetra-jña, un altro proprietario, e Questi è Krishna. Kṣetra-jñaṁ cāpi māṁ viddhi sarva-kṣetreṣu bhārata (BG 13.3). Come c’è l’anima individuale all’interno del corpo, allo stesso modo c’è anche l’Anima Suprema, Krishna. Entrambi. Lì ci sono entrambi. Lui è il proprietario di tutti i corpi. Tutti i corpi. A volte Krishna è accusato dai mascalzoni: “Perché ha ballato con le mogli altrui?” Ma in realtà Egli è il proprietario. Dehe sarvasya bhārata (BG 2.30). Io non sono il proprietario, Lui è il proprietario. Quindi, se il proprietario balla con le Sue servitrici, o devote, cosa c’è di male? Cosa c’è di male? Egli è il loro proprietario. Tu non sei il proprietario. Dehe sarvasya bhārata. Lui Lo è. L’anima individuale è in ogni corpo e l’Anima Suprema è il vero proprietario. Krishna dice: bhoktāraṁ yajña-tapasāṁ sarva-loka-maheśvaram (BG 5.29). Maheśvaram, Lui è il proprietario supremo; suhṛdaṁ sarva-bhūtānām, Lui è il vero amico. Se amo qualcuno, se ne sono amico, io non sono amico; il vero amico è Krishna. Suhṛdaṁ sarva-bhūtānām. Come pure è detto tasmād sarvāṇi bhūtāni (BG 2.30). Krishna è il vero amico. Quindi, se le gopī danzano con il vero amico, che male c’è? Cosa c’è di sbagliato? Ma coloro che sono mascalzoni, che non conoscono Krishna, pensano che sia immorale. Non è immorale. Questa è la cosa giusta. La cosa giusta. Krishna è il vero marito. Perciò ha sposato 16.108 mogli. Perché 16.000? Se ne sposa 16.000 miliardi di mogli, che c’è di sbagliato? Perché Egli è il vero marito, sarva-loka-maheśvaram (BG 5.29).
Così, un mascalzone che non conosce Krishna Lo accusa come immorale, un cacciatore di donne, o cose del genere. E provano piacere in questo. Per questo dipingono immagini di Krishna nelle Sue relazioni con le gopī ma non dipingono un’immagine di come Egli stia uccidendo Kaṁsa, come Egli uccida i demoni. A loro non piace questo, e ciò è sahajiyā. Essi, per la loro dissolutezza, per le loro attività dissolute, non amano essere sostenuti da Krishna. “Krishna ha fatto così. Krishna è diventato immorale e così allora anche noi siamo immorali. Siamo grandi devoti di Krishna perché siamo immorali”. Questo sta succedendo. Pertanto, per comprendere Krishna, è richiesta un’intelligenza migliore. Una miglior intelligenza, bahūnāṁ janmanām ante jñānavān (BG 7.19). Jñānavān significa saggio con intelligenza di prima classe; māṁ prapadyate, che capisce chi è Krishna, vāsudevaḥ sarvam iti sa mahātmā sudurlabhaḥ, quel tipo di mahātmā intelligente. Si può trovare un mahātmā mascalzone, senza coscienza di Krishna che semplicemente per aver cambiato abito si dichiara Dio o Krishna. Da prendere a calci in faccia. Krishna è diverso da tutti questi mascalzoni. Ma se comprendete Krishna, se siete così fortunati… ei rūpe brahmāṇḍa bhramite kona bhāgyavān jīva (CC Madhya 19.151), solo le persone più fortunate possono capire Krishna, chi è Krishna.

This post has already been read 78 times

Sorry, the comment form is closed at this time.