Dec 262016
 

Bhagavad-Gita 2.30 — Londra, 31 agosto 1973

Devoto (leggendo): Traduzione (BG 2.30): “O discendente di Bharata, colui che risiede nel corpo è eterno e non può mai essere ucciso. Non devi dunque piangere per nessuno.”
Prabhupāda: Dehī nityam avadhyo ‘yaṁ dehe sarvasya bhārata. Dehe; dehe significa corpo, all’interno del corpo. Questo argomento è comincato con ‘dehino ‘smin yathā dehe kaumāraṁ yauvanaṁ jarā’ (BG 2.13). Deha, dehī; dehī indica colui che possiede il corpo. Proprio come guṇī. Āsthate in prata. (?) E’ grammatica. Guṇa, in, deha, in, in prata.(?) Dehin śabda. Percui il nominativo di dehin śabda is dehī; dehī nityam, eterna, Krishna l’ha spiegato in tanti modi; nityam, eterna, indistruttibile, immutabile. Non nasce, non muore, è sempre costantemente la stessa, na hanyate hanyamāne śarīre (BG 2.20), ancora una volta dice nityam, eterna. Avadhya, nessuno la può uccidere; è situata nel corpo. Ma ‘dehe sarvasya bhārata’, questo è molto importante; L’anima non è solamente nel corpo umano e non in altri corpi. Ciò è da mascalzoni; sarvasya, è in ogni corpo. Anche in una formica, anche nell’elefante, anche all’interno del gigantesco albero banyano o dentro il microbo, sarvasya, c’è l’anima. Ma alcuni mascalzoni sostengono che gli animali non hanno anima. Questo è sbagliato. Come puoi dire che l’animale non ha un’anima? Tutti; qui c’è la dichiarazione autorevole di Krishna: sarvasya. E in un altro passo Krishna dice: sarva-yoniṣu kaunteya sambhavanti mūrtayaḥ yāḥ (BG 14.4); in tutte le 8.400.000 specie di vita, tāsāṁ mahad yonir brahma, mahad yonir, l’origine del loro corpo è di natura materiale. haṁ bīja-pradaḥ pitā: “Io sono il padre che dà il seme”. Come senza padre e madre non c’è prole, così, il padre è Krishna e la madre è la natura materiale o la natura spirituale.
Ci sono due nature. Ciò è spiegato nel settimo verso. La natura materiale e la natura spirituale; o la natura superiore e la natura inferiore. Proprio come ci sono parti inferiori e parti superiori nel nostro corpo. E’ lo stesso corpo ma comunque ci sono diverse parti; alcune di esse sono considerate inferiori e alcune sono considerate superiori. Anche le due mani. Secondo la civiltà Vedica la mano destra è la mano superiore, e la mano sinistra è la mano inferiore. Se si vuole dare qualcosa a qualcuno la si deve dare con la mano destra; darla con la mano sinistra è un insulto. Sono necessarie due mani, perché questa mano è superiore? Quindi dobbiamo accettare l’ingiunzione vedica. Così, anche se entrambe, la natura materiale e la natura spirituale, provengono dalla stessa fonte, la Verità Assoluta, janmādy asya yataḥ (SB 1.1.1), tutto emana da Lui. Eppure, c’è la natura inferiore e la natura superiore. Qual è la differenza tra inferiore e superiore? Nella natura inferiore, o la natura materiale, la coscienza di Dio è quasi nulla. Coloro che sono nel guṇa della virtù hanno un poco di coscienza di Dio, e coloro che sono nel guṇa della passione ne hanno un po’ meno. E in coloro che sono nel guṇa dell’ignoranza non c’è coscienza di Dio. Completamente assente. Degradati.

This post has already been read 37 times

Sorry, the comment form is closed at this time.