Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Apr 292016
 

image

Lettura della Bhagavad-Gita 18.67 — Ahmedabad, 10 dicembre 1972

Devoto: “Srila Prabhupada, qualcuno ha posto la seguente domanda: “Chi porterà avanti questo movimento dopo di te?”
Prabhupada: Chi me lo sta chiedendo, lo farà. (Risate)
Uomo indiano: Posso chiedere ai cari devoti qual è il loro piano per portarlo avanti, e mantenere e diffondere il movimento dopo di te, cosa accadrà dopo Śrī Bhaktivedanta Prabhu, per mantenere questa successione di, per mantenere salda la successione: Hare Kṛṣṇa, Hare Kṛṣṇa.
Prabhupada: Questo è menzionato nella Bhagavad-gita:
imaṁ vivasvate yogaṁ
proktavān aham avyayam
vivasvān manave prāha
manur ikṣvākave ‘bravīt
(BG 4.1)
All’inizio, Kṛṣṇa ha trasmesso questa scienza della coscienza di Kṛṣṇa al dio del sole, e il dio-sole Vivasvan l’ha spiegata a suo figlio Manu. E Manu a sua volta a suo figlio Ikshvaku. Evam parampara-prāptam imam rājarṣayo viduh (BG 4.2). Quindi, questa scienza è compresa dalla successione disciplica dei maestri parampara. Così come abbiamo capito dal sistema parampara dal mio Guru Maharaja, così chiunque tra i miei studenti lo capirà, saprà mantenerlo e farlo funzionare. Questo è il metodo. Non è una novità. È un antico sistema. Semplicemente dobbiamo distribuirlo in modo appropriato, come abbiamo sentito dal nostro acarya predecessore. Perciò nella Bhagavad-Gita, si raccomanda:” Acarya upāsanam. Bisogna avvicinare l’acarya” Ācāryavān puruṣo veda. Semplicemente speculando, attraverso la cosiddetta erudizione, non è possibile. Non è possibile. Bisogna avvicinare l’acarya. Così l’acarya giunge dal sistema parampara, attraverso la successione disciplica. Perciò Kṛṣṇa raccomanda, tad viddhi praṇipātena paripraśnena sevayā: (BG 4.34) “Una persona dovrebbe avvicinare l’acarya e cercare di capire con praṇipāta, sottomissione.” Tutto ciò dipende dall’abbandono. Ye yatha mam prapadyante. Il metodo della sottomissione, in proporzione alla sottomissione, è il mezzo per comprendere Kṛṣṇa. Se siamo pienamente sottomessi, saremo in grado di comprendere appieno Kṛṣṇa. Se siamo sottomessi solo parzialmente, allora capiremo Kṛṣṇa parzialmente. Quindi ye yatha mam prapadyante. È proporzionale alla sottomissione. Chi è completamente sottomesso, può comprendere questa filosofia e la può anche diffondere, per grazia di Kṛṣṇa.

This post has already been read 361 times

Sorry, the comment form is closed at this time.