Sep 272017
 

Lettura dello Srimad Bhagavatam 02.01.01-02 – New York

In ogni caso il canto è di buon auspicio. Caitanya Mahāprabhu ha dato la sua benedizione:”ceto-darpaṇa-mārjanaṁ bhava-mahā-dāvāgni-nirvāpaṇam (CC Antya 20.12)”. Stiamo soffrendo in questo mondo materiale perché non siamo purificati dalla nostra comprensione, nel nostro cuore. Il cuore non è purificato. Questo canto ci aiuterà a pulirlo:
śṛṇvatāṁ sva-kathāḥ kṛṣṇaḥ
puṇya-śravaṇa kīrtanaḥ
hṛdy antaḥ stho abhadrāṇi
vidhunoti suhṛt satām
(SB 1.2.17)
Cantare è così bello che non appena cominci a farlo o ad ascoltare cose su Kṛṣṇa, il canto è anche ascolto, inizia subito il processo di pulizia: “ceto-darpaṇa-mārjanaṁ (CC Antya 20.12)”. Non appena il nostro cuore è purificato, bhava-mahā davāgni-nirvāpaṇam, diventiamo liberi dal fuoco ardente di questa esistenza materiale. Il canto è realmente di buon auspicio per questo Śukadeva Gosvāmī dice a Mahārāja Parīkṣit: “varīyān eṣa te praśnaḥ kṛto loka-hitaṁ nṛpa (SB 2.1.1)”. In un’altra occasione Sukadeva Gosvāmi afferma: “yat kṛtaḥ Kṛṣṇa-sampraśno yayātmā suprasīdati”. Quando i grandi saggi di Naimiṣāraṇya fecero domande su Kṛṣṇa egli rispose in questo modo: “yat kṛtaḥ Kṛṣṇa-sampraśnaḥ. Poiché hai fatto domande su Kṛṣṇa il tuo cuore sarà pulito, yenātmā suprasīdati. Sentirai una felicità trascendentale, un benessere dentro il tuo cuore”.
“Varīyān eṣa te praśnaḥ kṛto loka-hitam (SB 2.1.1)”. In realtà il nostro movimento è l’attività principale di assistenza per la società umana, loka-hitam. Non è un business. Business significa il mio hitam, il mio beneficio. Non lo è perché si tratta dell’attività di Kṛṣṇa. L’attività di Kṛṣṇa significa che Kṛṣṇa è per tutti, che l’attività fatta nel Suo nome è per tutti. Per questa ragione diamo il benvenuto a tutti senza distinzioni. Diciamo semplicemente: “Venite qui e cantate, loka-hitam”. Un sādhu, persona santa dovrebbe sempre pensare a loka-hitam. Questa è la differenza tra il sādhu e un uomo ordinario. Un uomo ordinario pensa solo a se stesso o a “espandere se stesso” tramite la famiglia, la comunità, la società o la nazione. Queste sono tutte espansioni egoiste. Quando sono solo penso al mio beneficio, quando sono un po’ più cresciuto penso ai miei fratelli e sorelle, quando sono un po’ più avanzato penso alla mia famiglia, alla comunità, al mio paese e alla mia nazione, oppure posso pensare a tutta la società umana internazionalmente. Kṛṣṇa è così grande che lui include tutti, non solo la società umana, ma anche la società animale, quella degli uccelli, delle bestie, degli alberi, di tutto. Kṛṣṇa dice: “Ahaṁ bīja-pradaḥ pitā (BG 14.4)”. Io sono il padre che fornisce il seme a tutte queste forme.”

This post has already been read 61 times

Sorry, the comment form is closed at this time.