Jul 132017
 

Srimad Bhagavatam 01.08.23 – Los Angeles

Prabhupāda: Quindi la comparsa e la scomparsa del Signore in questo mondo materiale, questo si chiama cikīrṣitam. Cosa significa cikīrṣitam?

Devoto: passatempi.

Prabhupāda: Passatempi. È per il suo passatempo che Egli viene. Lui … quando Egli viene, naturalmente, lavora qualcosa. Il suo lavoro è di dare protezione al sādhu e di uccidere l’asādhu. Ma entrambe le attività sono i suoi passatempi. Lui non è invidioso. Non può essere invidioso. L’uccisione dei demoni, questo è anche il suo affetto. Proprio come a volte puniamo i nostri figli, gli diamo un forte schiaffo. Questo non è per amore. C’è l’amore. Così, quando Kṛṣṇa uccide un demone, il, il business non è sulla piattaforma della gelosia o invidia materiale. No.

Pertanto è menzionato negli śāstras che anche i demoni, che sono stati uccisi dal Signore, hanno immediatamente ottenuto la salvezza. Il risultato è lo stesso. Proprio come Pūtanā. Pūtanā è stata uccisa. Pūtanā voleva uccidere Kṛṣṇa, ma chi può uccidere Kṛṣṇa? Questo non è possibile. È stata uccisa. Ma lei è stata uccisa, ma qual’è stato il risultato? Il risultato è che ha ottenuto la posizione di madre di Kṛṣṇa. Kṛṣṇa l’ha accettata come sua madre. È venuta con il capezzolo unto di veleno, questo: “Kṛṣṇa succhierà il mio capezzolo, e il bambino morirà immediatamente.” Ma ciò non è possibile. È stata uccisa. Kṛṣṇa ha succhiato il capezzolo e la vita completamente. Ma Kṛṣṇa ha preso il lato positivo: «Questa donna, demone, lei è venuta per uccidermi, ma in un modo o nell’altro ho succhiato il suo latte materno. Quindi lei è mia madre. Lei è mia madre.” Così ha ottenuto la posizione di madre.

Questo è spiegato nel Bhāgavatam. Uddhava ha spiegato a Vidura che Kṛṣṇa è così gentile, Dio è così gentile; anche la persona che voleva ucciderlo con il veleno, è stata accettata come madre. Tale è la natura di Dio, Kṛṣṇa, “Chi altri devo adorare se non Kṛṣṇa?”È stato dato questo esempio. In realtà Kṛṣṇa non ha nemici. Qui è detto: na yasya kaścid dayitaḥ. Dayitaḥ significa favore. Nessuno è favorito. Na yasya kaścid dayito ‘sti karhicid dveṣyaś ca. E nessuno è il suo nemico. Ma chi può essere il Suo nemico, chi può essere il suo amico?

Supponiamo di creare degli amici. Ci aspettiamo qualche benedizione o qualche profitto dall’amico e nemico significa che ci aspettiamo qualche attività dannose dal nemico. Ma Kṛṣṇa è così perfetto che nessuno può fare del male a Kṛṣṇa, né chiunque può dare qualcosa per Kṛṣṇa. Allora, dov’é la necessità di amico e nemico? Non vi è alcuna necessità. Pertanto si afferma qui: na yasya kaścid dayito ‘sti. Lui non ha bisogno favori di nessuno. È completo. Sono un uomo molto povero. Mi aspetto qualche favore dagli amici, favori da qualcuno. Ma questa è la mia aspettativa perché sono imperfetto. Io non sono completo. Sono carente in tanti modi. Quindi sono sempre bisognoso. Perciò voglio creare qualche amico, e similmente odio il nemico. Così Kṛṣṇa, il suo essere il Supremo … Nessuno può fare del male a Kṛṣṇa nessuno può dare qualcosa a Kṛṣṇa. Allora, perché stiamo offrendo a Kṛṣṇa così tanto comfort? Stiamo vestendo Kṛṣṇa, stiamo decorando Kṛṣṇa, stiamo dando buon cibo a Kṛṣṇa.

Così l’idea è … Cerca di capire questo fatto. Kṛṣṇa non richiede bei vestiti o un bel fiore o del buon cibo. Kṛṣṇa non richiede. Ma se dai a Lui, allora diventi beneficiato. È il favore di Kṛṣṇa che Egli sta accettando. L’esempio è dato: Proprio come se decori la persona originale, il riflesso della persona nello specchio, appare anche decorata. Quindi siamo riflessioni. Nella Bibbia si dice anche che l’uomo è fatto ad immagine di Dio. Quindi noi, come Kṛṣṇa è trascendentale, noi … Ha avuto due mani, due gambe, una testa. Così l’uomo è fatto dopo Dio, significa che siamo riflessi di immagine di Dio. Non che noi produciamo, immaginiamo una qualche forma secondo la nostra forma. Questo è un errore. La filosofia dei Māyāvādī è così. Si chiama antropomorfismo. Loro dicono che: “Dato che il … La Verità Assoluta è impersonale ma poichè siamo persone, immaginiamo questa Verità Assoluta anche come una persona.” Proprio il contrario. In realtà questo non è il fatto. Abbiamo avuto questa forma personale come riflesso di Dio. Così nel riflesso … Se la persona originale è beneficiata, il riflesso è anche beneficiato. Questa è la filosofia. Il riflesso è anche beneficiato.

This post has already been read 18 times

Sorry, the comment form is closed at this time.