Oct 252016
 

img_0327

Londra, 29 agosto 1971

Siccome Krishna, la Verità Assoluta, è ānandamaya, quindi eko bahu syām, Egli è diventato molteplice. Anche noi siamo parte integrante di Krishna per dare piacere a Krishna. E la potenza di piacere principale è Rādhārāṇī.
rādhā-kṛṣṇa-praṇaya-vikṛtir hlādinī-śaktir asmād
ekātmānāv api bhuvo (purā) deha-bhedo-gatau tau
caitanyākhyaṁ prakaṭam adhunā tad-dvayaṁ caikyam āptaṁ
rādhā-bhāva-(dyuti)-suvalitaṁ naumi kṛṣṇa-svarūpam
(CC Adi 1.5)
Krishna è Paraṁ Brahman, come apprendete dalla Bhagavad-gītā. Quando Arjuna comprese la Bhagavad-gītā, confermò Krishna come paraṁ brahma paraṁ dhāma pavitraṁ paramaṁ bhavān (BG 10.12). Percui Krishna è Paraṁ Brahman. Pertanto vediamo in questo mondo materiale che un grande santo, semplicemente per godere del brahmānanda, abbandona qualsiasi piacere materiale e diventa sannyāsī. Ahaṁ brahmāsmi. Giusto per capire che lui è situato nella realizzazione del Brahman. Quindi, se si deve rinunciare a ogni cosa materiale per la realizzazione del Brahman, pensate che il Paraṁ Brahman, il Supremo Brahman, possa godere di qualsiasi cosa di materiale? No. Il piacere di Krishna non è niente di materiale. Questo punto dovrebbe essere inteso. Per la realizzazione del Brahman noi abbandoniamo tutto ciò che è materiale. E come può il Paraṁ Brahman godere di qualcosa di materiale? Questa questione è stata molto ben discussa da Jīva Gosvāmī.
Quindi, quando il Paraṁ Brahman… Prima di tutto, le informazioni sul Paraṁ Brahman non sono in questo mondo materiale. Ci sono un po’ di informazioni sul Brahman; ci sono un po’ di informazioni sul Paramātmā, ma non informazioni su Paraṁ Brahman, o Bhagavān. Perciò è detto: manuṣyāṇāṁ sahasreṣu kaścid yatati siddhaye (BG 7.3). siddhaye significa comprendere il Brahman o il Paramātmā. Ma tra molte persone che hanno realizzato il Brahman e il Paramātmā, difficilmente una persona può comprendere Krishna. E questo, prima di tutto… (interrotto) …cosa possiamo capire della potenza di piacere di Krishna? Proprio come se volessi conoscere una persona importante; quello è un metodo. E senza conoscere questa persona importante, come posso sapere riguardo i suoi rapporti intimi? Allo stesso modo, se non capiamo Krishna, come possiamo capire come prova piacere Krishna? Questo non è possibile. Ma i Gosvāmī ci informano di qual è la potenza di piacere di Krishna. Quella è Śrīmatī Rādhārāṇī.
Abbiamo trattato sulle vicende amorose di Rādhā-Kṛṣṇa nel nostro ‘Gli insegnamenti di Sri Caitanya’, alla pagina 264. Se avete questo libro potete leggere quanto lo scambio delle relazioni amorose di Rādhā-Kṛṣṇa siano trascendentali. Quindi oggi la nostra preghiera a Rādhārāṇī… Preghiamo Rādhārāṇī perché lei è la potenza di piacere di Krishna. Krishna significa “infinitamente affascinante”. Ma Rādhārāṇī è così grande che è lei ad attrarre Krishna. Krishna è attraente per tutti, e lei è attraente per Krishna. Quindi, qual è la posizione di Śrīmatī Rādhārāṇī? Dovremmo cercare di capirlo in questo giorno, e offrire i nostri omaggi a Rādhārāṇī. Rādhe vṛndāvaneśvarī.
tapta-kāñcana-gauraṅgī rādhe vṛndāvaneśvarī
vṛṣabhānu-sute devī pranamāmi hari-priye
La nostra occupazione è: “Rādhārāṇī, Tu sei tanto cara a Krishna. Tu sei la figlia del re Vṛṣabhānu e Tu sei tanto cara a Krishna, ti offriamo i nostri rispettosi rispetti.”
tapta-kāñcana-gauraṅgī rādhe vṛndāvaneśvarī
vṛṣabhānu-sute devī pranamāmi hari-priye

This post has already been read 94 times

Sorry, the comment form is closed at this time.