Jun 292017
 

Srimad Bhagavatan 03.26.09 – Bombay

Nitai: “Devahūti disse: O Signore Supremo, Ti pregò di descrivere le caratteristiche della Persona Suprema e delle Sue energie, perché entrambi costituiscono la causa di questa creazione, nella sua forma manifestata e non manifestata”.

Prabhupada:

prakṛteḥ puruṣasyāpi
lakṣaṇaṁ puruṣottama
brūhi kāraṇayor asya
sad-asac ca yad-ātmakam
(SB 3.26.9)
In questo verso Kapiladeva viene chiamato Purusottama. Purusottama. Gli esseri viventi, l’Anima Suprema, e Dio, la Persona Suprema. Gli esseri viventi vengono talvolta chiamati puruṣa perché puruṣa significa goditore. Così l’essere vivente desidera godere di questo mondo materiale sebbene egli non sia il beneficiario. Lo abbiamo spiegato molte volte. L’entità vivente, che è anch’essa prakṛti, desidera godere. Questa è chiamata illusione. Così nel suo tentativo di godimento può essere chiamata puruṣa, un puruṣa illusorio. Il vero puruṣa è Bhagavān. Puruṣa significa bhoktā. Il bhoktā, il vero bhoktā, il beneficiario, è Dio, la Persona Suprema, Krishna. Bhoktāraṁ yajña-tapasāṁ sarva-loka-maheśvaram (BG 5.29).

Così Devahuti vuole un chiarimento sulle caratteristiche del puruṣa e della prakṛti. Così il puruṣa è uno, ma la prakṛti… ci sono molte energie. Prakṛti, energia. Proprio come tra marito e la moglie, la moglie prende il ruolo di energia. Il marito lavora giorno e notte molto duramente, ma quando torna a casa, la moglie gli dà conforto, mangiare, dormire, accoppiarsi, in così tanti modi. Egli riacquisisce energia fresca. Soprattutto i karmī, essi ricevono energia dal comportamento e dal servizio della moglie. Altrimenti, i karmī non possono lavorare. Comunque, il principio di energia è lo stesso. Similmente, il Signore Supremo, anch’Egli possiede energia. Dal Vedānta-sūtra comprendiamo che la Dio, la Persona Suprema la fonte originale di tutto ciò che esiste, il Brahman… athāto brahma jijñāsā. Quello stesso Brahman … In un aforisma Vyasadeva lo descrive come janmādy asya yatah: “Il Brahman, la Suprema Verità Assoluta, è ciò dal quale tutto proviene (SB 1.1.1).” Quindi se questo principio non fosse presente, che il Brahman, la Verità Assoluta viene energizzato e lavora con le Proprie energie; altrimenti perché tale concezione sarebbe presente in questo mondo? Il mondo materiale è un’ombra, un riflesso del mondo spirituale. A meno che l’oggetto originale non sia presente nel mondo spirituale non può essere riflesso nel mondo materiale.

This post has already been read 66 times

Sorry, the comment form is closed at this time.