Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Sep 122016
 

image

Srimad Bhagavatan 7.9.2 — Mayapur, 2 febbraio 1977

Pradyumna: Traduzione – “Alla dea della fortuna Lakṣmījī, fu richiesto, da tutti gli esseri celesti presenti, di andare davanti al Signore, perché, per paura, loro non potevano farlo. Ma anche lei non aveva mai visto una tale forma meravigliosa e straordinaria del Signore, e quindi non potè avvicinarsi a Lui. ”
Prabhupāda:
sākṣāt śrīḥ preṣitā devair
dṛṣṭvā taṁ mahad adbhutam
adṛṣṭāśruta-pūrvatvāt
sā nopeyāya śaṅkitā
(SB 7.9.2)
Śrī, Lakṣmī, è sempre in compagnia di Nārāyaṇa, Bhagavān. Lakṣmī-Nārāyaṇa. Ovunque ci sia Nārāyaṇa c’è Lakṣmī. Aiśvaryasya samāgrasya vīryasya yaśasaḥ śriyaḥ (Viṣṇu Purāṇa 6.5.47). Śriyaḥ. Bhagavān, la Persona Suprema, è sempre completo delle sei perfezioni, aiśvarya, ricchezze; samāgrasya, tutte le ricchezze. Nessuno può competere con Lui. Qui nel mondo materiale c’è concorrenza. Tu hai avuto mille, io ho duemila, un altro uomo ha tremila o tre milioni. Nessuno può dire: “Ecco la fine, ho i soldi”. No. Non è possibile. Ci deve essere competizione. Sama ūrdhva. Sama significa “uguale”, e ūrdhva significa “maggiore”. Quindi nessuno può diventare uguale a Nārāyaṇa, e nessuno può essere maggiore di Nārāyaṇa. Questa è diventata una moda al giorno d’oggi, daridra-nārāyaṇa. No. daridra non può essere Nārāyaṇa; e nemmeno Nārāyaṇa può essere daridra, perché Nārāyaṇa è sempre accompagnato da Śrī, Lakṣmījī. Come può essere daridra? Queste sono folli immaginazioni, aparādha.
yas tu nārāyaṇaṁ devaṁ
brahmā-rudrādi-daivataiḥ
samatvena vikṣeta
sa pāṣaṇḍi bhaved dhruvam
(CC Madhya 18.116)
Gl Śastra dicono: yas tu nārāyaṇaṁ devam. Nārāyaṇa il Signore Supremo…Brahmā-rudrādi daivataiḥ. Che dire di daridra. Anche se si paragona Nārāyaṇa a importanti deva come Brahmā o come Śiva, se si conclude che “Nārāyaṇa è tant quanto Brahmā o Śiva”, samatvena vikṣeta sa pāṣaṇḍi bhaved dhruvam, immediatamente si è pāṣaṇḍi. Pāṣaṇḍi significa il più miserabile. Questa è l’ingiunzione degli śāstra. Yas tu nārāyaṇaṁ devam brahmā-rudrādi-daivataiḥ samatvena.
E’ diventata una moda paragonare Nārāyaṇa a chiunque. In questo modo la cultura indiana è stata smantellata. Nārāyaṇa non ha eguali. Nārāyaṇa dice personalmente nella Bhagavad-gītā: mattaḥ parataraṁ nānyat kiñcid asti dhanañjaya (BG 7.7). Un’altra parola è usata: asamaurdhva. Nessuno può essere uguale a Nārāyaṇa, Viṣṇu-tattva. No. Oṁ tad viṣṇoḥ paramaṁ padaṁ sadā paśyanti sūrayaḥ (Ṛg Veda 1.22.20). Questo è un Ṛg mantra. Viṣṇoḥ padaṁ paramaṁ padam. Arjuna si rivolge a Bhagavān così: paraṁ brahma paraṁ dhāma pavitraṁ paramaṁ bhavān (BG 10.12). Paramaṁ bhavān. Quindi questa immaginazione pāṣaṇḍī ucciderà il proprio progresso nella vita spirituale. Māyāvāda. Per questo dunque Caitanya Mahāprabhu ha severamente probito di associarci ai Māyāvādī. Māyāvādī bhāṣya śunile haya sarva-naśa (CC Madhya 6.169): “Chiunque si associ ai Māyāvādī, la sua vita spirituale è finita.” Sarva-naśa. Māyāvādī haya kṛṣṇe aparādhi. Si dovrebbe essere molto, molto attenti ad evitare questi mascalzoni Māyāvādī. Non ci può essere una tal cosa come: “Nārāyaṇa è diventato daridra.” È impossibile. Nārāyaṇa è sempre in compagnia di sākṣāt śrīḥ. Soprattutto qui, Śrī, Lakṣmījī, è menzionata essere in compagia di Nārāyaṇa costantemente. Tale espansione Śrī è nei Vaikuṇṭhaloka. Lakṣmī-sahasra śata-sambrahma sevyamānaṁ.
cintāmaṇi prakara-sadmasu kalpa vṛkṣa
lakśāvṛteṣu surabhīr abhipālayantam
lakṣmī sahasra-śata sambrahma-sevyamānaṁ
govindam ādi-puruṣaṁ tam ahaṁ bhajāmi
(Bs. 5.29)
Non solo una Śrī, Lakṣmī, ma lakṣmī-sahasra-śata. E sono al servizio del Signore, sambrahma sevyamānaṁ. Noi preghiamo Lakṣmījī con sambrahma, “Madre, dammi un po’ d soldi. Fammi un piccolo favore, che io possa essere felice”. Noi adoriamo Śrī; eppure, Śrī non rimane. Un altro nome di Śrī è Cañcalā. Lei è Cañcalā in questo mondo materiale. Oggi posso essere milionario, domani posso mendicante per strada; siccome ogni opulenza dipende dal denaro, allora nessuno può sistemarsi. Questo non è possibile. Questa Śrī è così instabile, eppure loro adorano il Signore con sambrahma, con rispetto. Qui noi pensiamo, “Che Lakṣmī non possa andare via!”, ma là, Śrī sta pensando, “Che Krishna non possa andare via”. Questa è la differenza. Qui abbiamo paura che Lakṣmī possa andare via in qualsiasi momento, e loro temono che Krishna possa andare via. Questa è la differenza. Percui tale Krishna, tale Nārāyaṇa, come può essere daridra? Questa è tutta immaginazione.

This post has already been read 143 times

Sorry, the comment form is closed at this time.