Jun 292017
 

Srimad Bhagavatan – Los Angeles

In passato, l’intero pianeta veniva chiamato Bhāratavarṣa, ed era governato da un unico imperatore. Perciò qui è detto sva-rāṭ; sva-rāṭ significa completamente indipendente. Mahārāja Yudhiṣṭhira non dipendeva da qualche altro re o da qualche altro stato. Era completamente indipendente. Qualunque cosa gli piacesse, la poteva fare. Questo è il re. Questo è l’imperatore. Se il cosiddetto re o il presidente dipende dai voti di alcuni elettori mascalzoni, che tipo di sva-rāṭ è? Al momento attuale, il cosiddetto presidente dipende dai voti di alcuni furfanti. Questo è tutto. I mascalzoni non sanno chi votare, e quindi viene eletto un altro mascalzone; e quando non sta facendo bene, piangono. Voi l’avete scelto. Perché piangete ora? Perché sono mascalzoni. Loro non lo sanno. Questo sta succedendo. Ma in realtà, il capo dello Stato dovrebbe essere sva-rāṭ, completamente indipendente, non per i voti del prajā. Egli dipende solo da Krishna, proprio come Mahārāja Yudhiṣṭhira. Tutti i Pāṇḍava sottostavano agli ordini di Krishna.

Il re, o l’imperatore, è il rappresentante di Krishna; perciò è onorato come naradeva. Un’altra definizione del re è naradeva, “Dio fattoSi umano” “Dio come essere umano”, il re viene rispettato così perché lui è il rappresentante di Krishna. Qualsiasi rappresentante di Krishna, come il re… Questo è l’ideale; non come il presente re o il presidente, che dovrebbe essere rappresentativo così perfettamente che… Viśvanātha Cakravartī Ṭhākura dice: yasya prasādād bhagavat-prasādaḥ. Se il re è veramente rappresentante di Dio, semplicemente compiacendo il re, darete piacere al Padre onnipotente, Dio. Questo era il… Perché Krishna ha voluto questa battaglia di Kurukṣetra e insediare Mahārāja Yudhiṣṭhira sul trono? Perché sapeva: “Egli è il Mio giusto rappresentante, non Duryodhana. Quindi ci deve essere battaglia, Duryodhana e amici dovrebbero essere sterminati, e Yudhisthira dovrebbe essere insediato.”

Selezione. Questo è paramparā. Quindi, la responsabilità di Yudhiṣṭhira è che il prossimo re… Perché lui sta per ritirarsi. “Il prossimo imperatore dovrebbe essere altrettanto qualificato come me.” Perciò è detto susamaṁ guṇaiḥ; susamaṁ, “Deve essere esattamente mio rappresentativo. Mio nipote Parīkṣit ha uguali qualifiche, perciò dovrebbe venire insediato lui.” Non un vagabondo. No. Non è possibile. Quando Mahārāja Parīkṣit nacque era l’unico figlio in tutta la famiglia Kuru. Tutti gli altri erano stati uccisi in battaglia. Era anche figlio postumo. Era nel grembo di sua madre, sua madre era semplicemente incinta. Suo padre, di sedici anni soltanto, Abhimanyu figlio di Arjuna, andò a combattere in battaglia. Era un così grande guerriero; ci vollero sette grandi uomini per ucciderlo: Gente come Bhīṣma, Droṇa, Karṇa, Duryodhana combinati insieme. Quindi non c’è pietà. Abhimanyu era nipote o pronipote di tutti gli eroi che lo circondarono per ucciderlo. Un nipote o pronipote molto amato… Pronipote di Bhīṣma, nipote di Duryodhana. Ma è guerra tra kṣatriya. Quando si deve combattere, si deve uccidere la parte avversa. Non importa se è il mio amato figlio o nipote o pronipote. Questo è il dovere.

This post has already been read 43 times

Sorry, the comment form is closed at this time.