May 282017
 

L’ETÀ DI KRISHNA – kaumara (prima infanzia), pauganda (infanzia) e kaishor (adolescenza). L’età trascendentale di Srì Krishna si divide in 3 periodi: kaumara (prima infanzia), pauganda (infanzia) e kaishor (adolescenza). Egli trascorre periodi di kaumara, pauganda e l’inizio di kaishor a Vraja, soggiornando a Mathura alla fine di kaishor. Dopo di chè giunge allo stadio […more]

May 252017
 
Dharma e adharma

Dharma e adharma Dharma: tra i vari significati del termine dharma ricordiamo quelli di ‘legge, dovere, religiosità, giustizia, natura e qualità’, inerenti ad oggetti o persone. Dharma è anche il divino ordine socio-cosmico che regola e sostiene la vita dell’uomo e dell’universo (la radice sanscrita dhr, sulla quale si costruisce il termine, significa infatti ‘reggere, […more]

 Posted by on 25 May 2017 at 04:48:40 AST
May 252017
 
Nel nyaya sastra, i codici della logica, sono menzionati

    Nel nyaya sastra, i codici della logica, sono menzionati i sei modi di acquisire la conoscenza: visaya, la tesi, samgaya, l’antitesi, purva-paksa, la controprova, mimamsa, la sintesi, siddhanta, la conclusione e samgatih, la verifica fatta da diverse fonti. In questo mondo, dopo questi sei stadi, qualcosa può scaturire in nome della verità. Qualsiasi […more]

May 242017
 
Non si può ingannare Krishna

Bhagavad Gita 13.03 – Bombay Non appena la nostra coscienza diventa cosciente di Krishna, Krishna lo capisce. Krishna è nel vostro cuore, Īśvaraḥ sarva-bhūtānāṁ hṛd-deśe ‘rjuna tiṣṭhati (BG 18.61). Krishna può capire il vostro proposito. Non possiamo imbrogliare Krishna. Krishna può capire subito quanto serio e sincero sei nel comprendere Krishna o nell’avvicinarti a Lui […more]

May 242017
 
Il Brahmastra è fatto di Mantra

Srimad Bhagavatan 1.7.26 — Vrndavana, 23 settembre 1976 Abbiamo discusso del brahmāstra. È quasi simile all’arma nucleare moderna o alla bomba realizzata con prodotti chimici, ma questo brahmāstra è fatto di mantra. Questo è il modo sottile. La scienza moderna non ha raggiunto quel punto di esistenza sottile, pertanto non riescono a capire come avviene […more]

May 242017
 
Seguendo Krishna e i Suoi rappresentanti si diventa Mahajana

Srimad Bhagavatan 1.7.23 — Vrndavana, 20 settembre 1976 Come si può diventare rappresentante di Krishna? Ciò viene spiegato da Caitanya Mahāprabhu: yāre dekha, tāre kaha ‘kṛṣṇa’-upadeśa āmāra ājñāya guru hañā tāra’ ei deśa (CC Madhya 7.128) se dici semplicemente quello che dice Krishna, allora diventi Suo rappresentante. Non inventate. Non siate troppo prudenti, inventando. Basta […more]

May 242017
 
In coscienza di Krishna loro sono educati a cosa sia un legame è a cosa sia la liberazione

Srimad Bhagavatan 5.5.2 — Londra, 17 settembre 1969 Prabhupāda: mahāntas te sama-cittāḥ praśāntā vimanyavaḥ suhṛdaḥ sādhavo ye (SB 5.5.2) Nell’ultimo incontro abbiamo discusso circa la via della salvezza. Ci sono due percorsi. Un percorso è per la salvezza. Salvezza significa liberazione da questa schiavitù materiale. La gente non capisce cosa è la schiavitù materiale, ma […more]

May 242017
 
Abbiamo imparato dal nostro Guru Maharaja che la predica è una cosa molto importante

Srimad Bhagavatan 1.7.19 — Vrndavana, 16 settembre 1976 Prabhupāda: mana tumi kisera vaiṣṇava, “Che tipo di Vaiṣṇava mascalzone sei?” Nirjanera ghare pratiṣṭhāra tare: “Vivi in un luogo appartato semplicemente per un’adorazione a buon mercato”, tava hari-nāma kevala kaitava, “Il tuo presunto canto del mantra Hare Krishna è semplicemente un inganno”. Egli ha detto così. Bisogna […more]

May 242017
 
Mio Signore ti prego d'impegnarmi al Tuo servizio. Questa è la perfezione della vita

Srimad Bhagavatan 1.7.19 — Vrndavana, 16 settembre 1976 Hare Krishna indica il Signore Supremo e la Sua potenza spirituale. Quindi ci rivolgiamo: Hare, “O energia spirituale del Signore”, e Krishna, “O Signore Supremo.” Hare Rāma, la stessa cosa. Paraṁ Brahman. Rāma significa Paraṁ Brahman, Kṛṣṇa significa Paraṁ Brahman e… Qual è il significato di rivogersi […more]

May 242017
 
Il movimento per la coscienza di Krishna è così bello che Adhira può diventare Dhira

Srimad Bhagavatan 1.7.18 — Vrndavana, 15 settembre 1976 Dobbiamo diventare dhīra, e allora non avremo paura della morte. Senza essere dhīra… Ci sono due categorie di uomini: dhīra e adhīra; dhīra è colui che non è disturbato sebbene ci siano cause di disturbo. Si può non essere disturbati quando non c’è una causa di disturbo. […more]