Jul 262016
 

image

Bhagavad-Gita 2.1-5 — Germania, 16 giugno 1974

Krishna è accettato dalle autorità come: Bhagavān, la Persona Suprema. E che cosa è Bhagavân? Bhagavân significa colui che possiede completamente sei perfezioni. Completamente fornito di tutte le opulenze significa che Bhagavān è la personalità più ricca. Quanto ricco sia Bhagavân, o Dio, lo si può capire noi siamo orgogliosi di possedere qualche ettaro di terreno, ma Bhagavân è il proprietario di tutto l’universo. Perciò Egli è considerato il più ricco. Allo stesso modo, Egli è considerato il più forte. E allo stesso modo, Egli è considerato il più saggio. E allo stesso modo, Egli è la persona più bella. In questo modo, quando si trova una persona come il più ricco, il più bello, il più saggio, il più forte in questo modo, quando si trova, quello è Bhagavân, o Dio. Quando Krishna era presente su questo pianeta ha dimostrato tutte le Sue opulenze possedute. Considerate, per esempio, che tutti si sposano, ma Krishna, essendo la Persona Suprema, Si è sposato con 16.108 donne. E non è che rimase un marito per sedicimila mogli. Ha fatto disposizione per fornire alle sedicimila mogli diversi palazzi. Ogni palazzo, ci viene descritto, fu fatto con marmo di prima qualità, e mobili in avorio e le sedute fatte di un bel cotone morbido . Così era desritto. E i giardini pieni di alberi fioriti. Non solo, ampliò Sè Stesso in sedicimila espansioni, espansioni personali. E viveva in quel modo con ogni moglie. Non è compito molto difficile per Dio. Dio è detto si trovi ovunque. Così alla nostra visione, se Egli si trova in sedicimila case, che difficoltà c’è per Lui?
Così qui si dice, śrī-bhagavān uvāca. L’autorità più potente sta parlando. Pertanto, tutto ciò che Egli dice, è da prendere come verità. Nella nostra vita condizionata, siccome stiamo vivendo in una condizione materiale, abbiamo quattro difetti: commettiamo errori, siamo illusi, e vogliamo anche imbrogliare, e i nostri sensi sono imperfetti. Quindi la conoscenza ricevuta da una persona contaminata dai quattro tipi di irregolarità non è perfetta. Così, quando si riceve la conoscenza da una persona che è trascendente a tutti questi quattro tipi di difetti, si ha la conoscenza perfetta. Gli scienziati moderni teorizzano: “Potrebbe essere così, oppure potrebbe invece essere così”, ma non è conoscenza perfetta. Quindi, se si specula con i sensi imperfetti, qual è il valore di questa conoscenza? Può essere una conoscenza parziale, ma non è conoscenza perfetta. Perciò il nostro procedimento di ricevere conoscenza è di riceverla dalla persona perfetta. E siccome stiamo ricevendo conoscenza da Krishna, Bhagavān, il più perfetto, quindi la nostra conoscenza è perfetta. Proprio come un bambino. Egli può essere imperfetto, ma se il padre dice: “Mio caro bambino, questa si chiama esibizione”, così se il bambino dice: “Questa è esibizione”, quella conoscenza è perfetta. Poiché il bambino non fa ricerche per scoprire la conoscenza. Egli chiede al padre o alla madre: “Cos’è questo, papà? Che cosa è questo, mamma?” E la madre dice: “Mia caro, questo è questo” Un altro esempio può essere dato: se durante l’infanzia, un bambino non… lui non sa chi è suo padre, non può fare qualsiasi tipo di lavoro di ricerca. Se lui fa un lavoro di ricerca per scoprire suo padre, non troverà mai suo padre. Ma se chiede a sua madre: “Chi è mio padre?” e la madre dice: “Egli è tuo padre”, allora ciò è perfetto. Pertanto la conoscenza, la conoscenza di Dio, che è oltre la vostra percezione sensoriale, come la si può sapere? Pertanto è necessario sapere da Dio stesso o dal Suo rappresentante.
Così qui Krishna, la Persona Suprema, parla, ed è l’autorità ultima. E dice ad Arjuna quanto segue: aśocyān anvaśocas tvaṁ prajñā-vādāṁś ca bhāṣase (BG 2.11) “Mio caro Arjuna, parli come un dotto studioso, ma ti stai lamentando di un argomento di cui non si dovrebbe” gatāsūn agatāsūṁś ca nānuśocanti paṇḍitāḥ. gatāsūn significa: questo corpo. Sia morto che vivo, il corpo come concezione di vita è follia. Quindi nessun uomo istruito prende seria considerazione del corpo. Pertanto, nella letteratura Vedica è detto: “Colui che è nel concetto corporeo della vita, non è più che che un animale”. Quindi al giorno d’oggi, senza la conoscenza del sé, il mondo intero si muove con il concetto di vita relativa al corpo. Il concetto corporale della vita è lì, tra gli animali. I cani e i gatti, sono molto orgogliosi di diventare un grosso gatto o un grosso cane. Allo stesso modo, se un uomo diventa similmente orgoglioso “Io sono un grande americano”, “un grande tedesco”, “un grande”, qual è la differenza? Ma in realtà è così che sta andando, e quindi combattono come cani e gatti.
Ne discuteremo di più domani.

This post has already been read 72 times

Sorry, the comment form is closed at this time.