Sync.com - private cloud
We recommend Sync.com for the security of your data

Nov 112016
 

Secondo la cosmologia indiana lo sviluppo dell’universo avverrebbe solo secondo una sequenza ciclica di manifestazioni e di riposo.
Ognuno di questi cicli di manifestazione Ë chiamato ìperiodoî. All’inizio di ogni ìperiodoî il mondo Ë manifestato da Dio e messo in opera da Brahma líessere preposto a questo compito; durante il suo sviluppo, Dio mantiene insieme líuniverso; ed alla fine Ë distrutto da Siva líessere preposto alla distruzione.
Ogni ìperiodoî corrisponde ad un giorno Brahma, quindi secondo la cosmologia vedica tutta la creazione esiste ed ha vita durante il giorno di Brahma, mentre durante la sua notte líuniverso scompare riassorbito da Brahma stesso. Ogni ìperiodoî corrisponde al tempo assegnato a parte dellíuniverso per il suo sviluppo e comprende 12.000 anni divini, cioË 4.320.000.000 anni terrestri.
Al principio di ogni giorno, quando Brahma si sveglia, gli DËi, i Demoni, gli uomini e tutte le creature, si manifestano di nuovo in maniera conforme alla loro natura ed alle azioni compiute nel ìperiodoî precedente. Assieme ad essi riappaiono i ìtre sistemi planetariî, cioË:

1) I pianeti inferiori
2) I pianeti mediani
3) I pianeti superiori

Gli esseri che nel ìperiodoî anteriore ottennero la ìliberazioneî non riappariranno pi˘ in questa nuova manifestazione.
Alla fine del giorno di un ìperiodoî tutti i tre sistemi planetari, assieme alle loro creature vengono riassorbiti dal caos, conservando durante la notte di Brahma solo il seme della manifestazione. Il periodo notturno di Brahma Ë uguale in durata al suo giorno.
La vita intera di Brahma Ë di cento anni divini, alla fine dei quali i tre sistemi planetari, con tutti i loro esseri, si dissolvono nel grande caos, per la durata di altri cento anni divini. Solo dopo questo enorme periodo di tempo nasce un nuovo Brahma e con esso si manifesta un nuovo universo.
Esendo Dio al di fuori del tempo, anche il processo di manifestazione deve quindi essere considerato fuori dal tempo, o senza tempo; non si puÚ parlare propriamente di passato, presente e futuro se non in modo illusorio.
Il giorno di Brahma viene diviso in quattordici ìere patriarcaliî, ognuna delle quali Ë governata da un patriarca, un maestro. Ogni patriarcato Ë seguito da un diluvio che distrugge tutti gli esseri viventi, tranne pochi scelti per ripopolare la terra.
Il nome del patriarca attuale Ë Vaivasvata-Manu, che Ë considerato anche il codificatore delle leggi, un trattato della letteratura che contiene le regole su cui Ë basata la societ‡ induista.
Un secondo tipo di divisione del giorno di Brahma Ë quella delle ìere minoriî. Ogni giorno Ë diviso in mille ìgrandi ereî, ognuno formato da quattro et‡ distinte.
Le quattro et‡ durano complessivamente 4.320.000 anni. Secondo la datazione tradizionale líanno attuale (2.003) sarebbe il 5.105 della presente et‡ del ferro.
I tre sistemi planetari rappresentano anche il ciclo trasmigratorio, la ruota delle rinascite, in cui il desiderio e la personalit‡ sono i principi guida della vita.
Lo spazio possiede 10 direzioni. Ogni direzione ha una Divinit‡ che funge da guardiano.
Le dieci direzioni sono:

1. Est
2. Sud-est
3. Sud
4. Sud-ovest
5. Ovest
6. Nord-ovest
7. Nord
8. Nord-est
9. Alto
10. Basso

Da un discorso tra due saggi:
ÖPoichÈ tu conosci le regioni del cielo insieme con i loro Dei e i loro fondamenti, quale Divinit‡ tu consideri protettrice dellíOriente?”. ìSurya il Dio Soleî “Il Sole su cosa Ë Basato?”. ìSulla vistaî. “E la vista su cosa Ë basata?” ìSulle forme: infatti Ë con la vista che si scorgono le formeî.
“Quale Divinit‡ consideri protettrice del Sud?”. ìYama il Dio della morteî. “E il Dio della morte su cosa Ë basato?”. ìSul sacrificioî. “E il sacrificio su che cosa Ë basato?”. ìSui doni fatti ai sacerdotiî. “E i doni fatti ai sacerdoti?”. ìSulla fede: poichÈ soltanto chi ha fede fa doni ai sacerdoti. Quindi i doni sono basati sulla fedeî.
“Quale Divinit‡ consideri protettrice dellíOvest?” ìIndra il Dio della pioggiaî. “E il Dio della pioggia su cosa Ë basato?”. ìSulle acqueî. “E le acque su cosa sono basate?”. ìSullo spermaî. “E lo sperma su cosa Ë basato?”. ìSul cuore: Ë per questo che di un figlio immagine del padre, si dice Ë uscito fuori dal cuoreî.
“Quale Divinit‡ consideri protettrice del Nord?”. ìChandra il Dio della Lunaî. “E il Dio della Luna su che cosa Ë basato?”. ìSulla consacrazioneî. “E la consacrazione su che cosa Ë basata?”. ìSulla verit‡. PerciÚ a chi Ë stato consacrato si dice: Di la verit‡. Infatti la consacrazione ha il suo fondamento nella verit‡î.
“Quale Divinit‡ consideri protettrice dello Zenith?”. ìAgni il Dio del fuocoî. “E il Dio del fuoco su che cosa Ë basato?”. ìSulla parolaî. “E la parola su che cosa Ë basata”. ìSul cuoreî. (Brihadaranyaka Upanisad 3-9:19-24)

Manuele

This post has already been read 161 times

 Posted by on 11 November 2016 at 00:58:32 AST

Sorry, the comment form is closed at this time.